La crisi dell'edilizia, 36 adempimenti per l'ecobonus: "Paralizzati dalla Burocrazia" :ilSicilia.it

La crisi dell’edilizia, 36 adempimenti per l’ecobonus: “Paralizzati dalla Burocrazia”

di
30 Settembre 2020

Settore che da sempre fa i conti con ataviche storture correlate ai tempi elefantiaci della burocrazia e reduce da stagioni già complicate, l’edilizia privata a Palermo in questo momento sta facendo i conti con i sanguinosi effetti collaterali causati dal lockdown, pagando un dazio eguale se non addirittura maggiore rispetto a quelli di altri segmenti d’economia.

Nel capoluogo regionale si è assistito negli ultimi anni ad una progressiva e consistente diminuzione dei fatturati e della forza lavoro. Solamente nel primo semestre del 2019 si è registrata la chiusura di duecento imprese e la diminuzione del numero di operai che ammonta a 1227 unità. Un ciclo vizioso che nel 2020 sembra destinato purtroppo a confermarsi senza inversioni di tendenze.

Presidente Ance Palermo Massimiliano Miconi
Massimiliano Miconi

Massimiliano Miconi, presidente di ANCE  (Associazione Nazionale Costruttori Edili, ndr) Palermo e vice-presidente di ANCE Sicilia ha tracciato un quadro impietoso della situazione: “Dopo la fine del lockdown che ha bloccato drammaticamente tutto la situazione dell’edilizia è rimasta tale – ha spiegato – la ripresa non c’è stata. Ancora oggi c’è una paralisi e ritardi che riscontriamo ogni giorno. Gli sforzi della Regione e in particolare dell’assessore alle Infrastrutture Falcone sono lodevoli, si sta cercando di fare il possibile. L’imbuto  – ha proseguito – continua a essere la burocrazia e i ritardi che la stessa burocrazia, unita al lockdown per l’emergenza sanitaria, hanno inesorabilmente provocato. Il contraltare rispetto a questa situazione di paralisi e delle conseguenze devastanti che questa ha avuto è il grande lavoro che stiamo facendo a livello di associazione per mettere a regime le misure di eco, sisma e super bonus e le altre misure di riqualificazione urbana, che speriamo possano dare un grande input al settore”.

In merito alle misure di riqualificazione urbana come l’ecobonus Miconi, pur riconoscendone le potenzialità ha evidenziato come queste non siano immuni dal farraginoso ingranaggio burocratico: “Gli uffici non hanno mai avuto un accelerazione, si sono assommati ritardi a causa del blocco. Il centro studi dell’ANCE ha calcolato che ci vogliono 36 adempimenti burocratici per avviare le operazioni eco e sisma bonus e quindi l’imbuto che terrorizza il settore resta questo. I ritardi più quei passaggi che una burocrazia snella affronterebbe oggi con una certa celerità. Purtroppo questi ritardi  -ha concluso Miconi – fanno presagire una partenza a rilento anche di questa misura”.

Senza un significativo alleggerimento delle tempistiche burocratiche ,necessario per il settore a prescindere dal Covid e a maggior ragione dopo i divieti d’assembramento ad esso correlati lo scenario potrebbe, nonostante la virtuosità dei provvedimenti presi per l’edilizia e gli sforzi che si stanno profluendo in tal senso, presentare perdite ancora più sostanziose di quelle già significative degli ultimi anni.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin