La cultura, l'identità siciliana e la Lega: a 'Bar Sicilia' l'assessore Alberto Samonà | VIDEO :ilSicilia.it

Puntata numero 122

La cultura, l’identità siciliana e la Lega: a ‘Bar Sicilia’ l’assessore Alberto Samonà | VIDEO

di
13 Settembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Ritorna Bar Sicilia, con la sua puntata numero 122, e in redazione torna l’ex direttore de ilSicilia.it, Alberto Samonà, che stavolta indossa le vesti dell’ospite, nella qualità di Assessore regionale ai Beni culturali e all’Identità siciliana. A fare gli onori di casa il suo successore, Manlio Melluso, e il direttore editoriale de ilSicilia.it Maurizio Scaglione.

Tanti gli spunti che l’assessore offre ai lettori. E tra questi non poteva mancare una battuta sulle polemiche che sono seguite alla sua nomina in quota Lega ai vertici dell’assessorato della Regione siciliana: “Abbiamo incontrato il figlio di Rosa Balistreri – dice Samonà –, un pezzo di storia della Sicilia non piegata alle logiche del potere. Abbiamo incontrato i figli di Franco Scaldati e la sua compagnia. Abbiamo voluto promuovere la Giornata dell’opera dei pupi. Abbiamo realizzato Settembre al Riso, in cui parla proprio l’identità siciliana: per me non è un peso essere leghista ed essere siciliano, questo tema è superato. Forse non da parte di qualche segreteria politica. Le persone che incontro non mi chiedono se sono leghista, ma che si faccia qualcosa per la tutela e la valorizzazione dei nostri beni culturali“.

Critiche respinte, dunque, sottolineando il valore universale della cultura, che non è né di destra né di sinistra, ma “è di tutti, non può essere egemonizzata da chi l’ha egemonizzata pro domo propria. Penso che il Tempio di Segesta, i templi di Selinunte, il Teatro antico di Taormina non appartengono né alla Lega, né a Forza Italia, né al Pd, né al M5s, né a Fratelli d’Italia, né alla liste civiche, ma appartengono all’umanità e alla Sicilia. Noi abbiamo un compito molto più difficile – afferma – quello di consegnare questi beni meglio di come li abbiamo trovati“.

L’assessore tiene sottolineare come la cultura sia per la Sicilia un ‘cavallo di battaglia’. Non ci sta a far passare il suo per un assessorato di serie C (questa la punzecchiatura) e sviscera l’elenco delle cose fatte: oltre 20 milioni di euro per mettere in sicurezza i musei regionali, 30 milioni di euro per la Cittadella della Cultura di Messina, 17 milioni di euro per l’efficientamento energetico delle aree culturali e dei parchi archeologici, il bando per il finanziamento di 104 teatri con 22 milioni di euro, tre milioni di euro per migliorare la fruizione degli scavi nell’isola di Mozia: “Se uno pensa che questo è un assessorato di serie C può continuare a farlo – afferma Samonà –, ma io dico, da tifoso rosanero, che in serie C si possono fare campionati spettacolari“. E ancora, un pensiero a chi ha fatto della passione per la cultura, nelle sue diverse forme espressive, un lavoro: “Il mondo della cultura è un mondo eterogeneo, ampio. Ho sempre detto, contrariamente a quanto detto da un ministro qualche anno fa – che disse che con la cultura non si mangia -, che con la cultura bisogna viverci“.

Una battuta Samonà l’ha dedicata alla Targa Florio e alla battaglia che la Regione si è intestata per la difesa dell’identità siciliana del marchio: “Abbiamo posto un vincolo culturale al marchio storico della Targa Florio, che d’ora in poi non potrà mai abbandonare la Sicilia. E’ in vendita – spiega -, ma qualsiasi sia l’esito economico chiunque acquisterà il marchio Targa Florio sarà tenuto a rispettare la localizzazione“.

Samonà non si nega e spiega qual è la sua personale posizione sul referendum sul cosiddetto taglio dei parlamentari. “Parlo da cittadino e da militante della Lega: voterò no perché è un taglio alla democrazia. La Sicilia inoltre sarebbe la regione d’Italia meno rappresentata se vincesse il sì“. Un voto diverso da quello che il leader del Carroccio Matteo Salvini ha annunciato. Samonà argomenta: “Ha onorato un patto di governo con il M5S, non è venuto meno alla parola data (come ha fatto invece qualcun altro che poi è passato con il Pd), ma ha anche lasciato tutti liberi di votare secondo coscienza, e io voto no – è la conclusione – perché secondo me tagliando la democrazia non si fa un buon servizio al Paese“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin