La curiosità: al G7 di Taormina più di 6.000 km percorsi con le golf car elettriche :ilSicilia.it
Taormina

Un sistema efficiente, ecologico, economico e con basso impatto

La curiosità: al G7 di Taormina più di 6.000 km percorsi con le golf car elettriche

1 Giugno 2017

A volte il passo dalla consuetudine dello smog ad una quotidianità sostenibile è più breve di quanto pensiamo e la dimostrazione lampante e destinata a far riflettere è arrivata dal recente G7 di Taormina, in occasione del quale infatti sono stati percorsi più di 6.000 km in elettrico, con le piccole e caratteristiche golf car che transitavano in quei giorni per il centro storico di Taormina.

Sono stati, inoltre, percorsi 722 kg di Co2 non emessi in soli 3 giorni: sono i dati interessanti emersi da un apposito studio. Si è verificata una media di 44 km al giorno per un totale di 6.072 km percorsi in 3 giorni dai 46 Melex, veicoli di prossimità urbana a zero emissioni messi a disposizione da Exelentia al G7 di Taormina.

Un impegno green che si è tradotto in un risparmio di 722* kg di Co2. Da giovedì a sabato scorso Taormina è diventata realmente smart city, esempio internazionale di città sostenibile: i Capi di Stato e di Governo, i Ministri, le delegazioni internazionali, i funzionari, gli addetti ai lavori e gli organizzatori del Summit sono stati accolti e trasferiti a bordo di 46 Nev (Neighborhood Electric Vehicles), forniti da un’azienda italiana leader nel campo della mobilità urbana sostenibile. Ogni Melex ha percorso mediamente 44 km al giorno a zero emissioni tra le meravigliose strade e gli esclusivi vicoli della città siciliana, garantendo un risparmio di 722 kg di Co2.

Grazie ai Nev (Neighborhood Electric Vehicles), veicoli per la mobilità urbana, si è realizzato l’obiettivo di muovere le persone e le merci con un sistema efficiente, ecologico, economico e con basso impatto sugli spazi urbani nel rispetto anche del silenzio e delle emissioni sonore. Numeri che fanno riflettere e che danno insomma l’idea di quel che potrebbe essere Taormina, come d’altronde anche qualsiasi altra località turistica italiana, con un po’ di auto in meno in circolazione e con qualche mezzo elettrico del genere in funzione tra quelle strade dove sino a questo momento lo smog la fa da padrone incontrastato.

Si tratta di una soluzione vera e non di un palliativo di circostanza, forse nata per caso perché comunque le auto come la Cadillac one di Trump non potevano transitare tra le vie strette di Taormina, ma è una prospettiva che ha una sua logica e potrebbe essere percorribile se si vuole realmente dare una dimensione più vivibile e respirabile al territorio. Le golf car che hanno visto sfilare i sette grandi in Corso Umberto, dalla Via Teatro Greco al San Domenico per le riunioni, e viceversa dal San Domenico poi di nuovo in Corso Umberto verso la Via Teatro Greco con destinazione Timeo hanno scritto una pagina curiosa di storia della città di Taormina e potrebbero anche rappresentare il viatico per spalancare le porte a nuove abitudini negli spostamenti in città, incoraggiando l’utilizzo di mezzi alternativi in grado di avere la loro utilità.

Magari ci vorrà ancora qualche anno, ma il futuro è elettrico. C’è da scommetterci, per forza di cose.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.