La Dc nuova di Cuffaro, quale futuro oltre lo Stretto? :ilSicilia.it

l'approfondimento

La Dc nuova di Cuffaro, quale futuro oltre lo Stretto?

di
9 Novembre 2020

Anche se non condivido l’iniziativa, devo riconoscere a Totò Cuffaro una certa coerenza: figlio, politicamente parlando, della Democrazia cristiana a quei valori è rimasto legato per sempre. Un gesto d’amore che va apprezzato.

Non capisco, però, il suo contorcimento lessicale quando sostiene che non vuole dare vita ad una nuova Dc, ma ad una Dc nuova e solo siciliana. Non mi convince. E lo scrivo qui sullo stesso giornale che lo ha intervistato sul proposito di rilanciare comunque i valori di un partito cattolico e moderato. Va reso onore al direttore ed all’editore de ilSicilia.it, sempre pronti a captare tutto ciò che si agita nell’inquieto mondo politico siciliano. E sottolineo siciliano. Perché, probabilmente, solo nell’Isola rimane forte lo zoccolo duro dei moderati. Non mi sembra che in altre regioni d’Italia vi siano le stesse condizioni: a livello nazionale l’Udc è praticamente scomparsa; Cantiere popolare, Mpa e Progetto Sicilia sono fenomeni locali. Unico partito che ha una proiezione nazionale è Forza Italia che in Sicilia continua a registrare percentuali a doppia cifra. Berlusconi, che sta cercando in tutti i modi di rilanciare Fi, sposerebbe mai un progetto simile?

Cuffaro, nel corso dell’intervista, parla di una forza politica moderata che potrebbe aspirare alla presidenza della Regione, lasciando intendere che non avrebbe velleità nazionali. Ma ve lo immaginate voi un partito politico, moderato e di ispirazione cattolica, relegato aldiquà dello Stretto? Certo, il deludente risultato ottenuto dalla Lega, alle recenti amministrative, lascia spazio a progetti immaginifici, ma non mi farei molte illusioni.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin