La denuncia: colonne e maioliche antiche nel gabinetto di due pub | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

beni culturali in abbandono

La denuncia: colonne e maioliche antiche nel gabinetto di due pub

di
7 Aprile 2017

“Due bagni: uno alla Vucciria e l’altro in un noto pub a piazza S. Anna! Nel primo le maioliche (riggiole) settecentesche dismesse dal pavimento del piano nobile dello stesso edificio e riutilizzate alla rinfusa, nel secondo colonne ottocentesche in marmo di Billiemi”.

La denuncia corre su Facebook e viene postata sul proprio profilo da Mauro Alessi, che da tempo svolge una capillare attività di segnalazione su come parte del patrimonio culturale e storico-monumentale di Palermo sia, in diversi casi, in stato di abbandono.

Alessi nel proprio post racconta di questi due locali notturni e dei gabinetti, nei quali si trovano pezzi storici, che – secondo Alessi – non dovrebbero star lì. E la denuncia su Facebook ha raccolto già numerosi consensi:

Per Michele Z. Nask, “il problema é culturale ed identitario, in tutti gli strati della società, nessuno escluso”, mentre secondo Maurizio Crocilla, “in Italia le autorità preposte sono abituate a girarsi dall’altra parte”. “Cosa pretendiamo?”, si domanda.

“Forse in qualche altra nazione – conclude Mauro Alessi – l’utilizzo sarebbe stato un pò più filologico e conservativo…..chissà!”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.