La Dieta Mediterranea: come mangiare con gusto | LA RICETTA :ilSicilia.it

A tavola con la tradizione

La Dieta Mediterranea: come mangiare con gusto | LA RICETTA

di
7 Aprile 2020

Quando si sente la parola “dieta“, a chi ama mangiare, si aprono scenari di tristi minestrine, insalatine scondite, fettine ine ine di pollo ai ferri; insomma un regime, altra parola non amata perché evoca “imposizione” e “restrizione” a cui aggiungiamo la parola magica “sano” che equilibra l’accenno di scompenso provato all’inizio.

Se andiamo alla sua etimologia, ecco scoprire che questo termine, derivando dal greco diaita, δίαιτα, da cui il latino diaeta, ha il significato di abitudine, modo di vivere, costanza sine die. In altre parole fare dieta, nel nostro caso la Mediterranea, la più completa e varia che ci sia, non è altro che avere buone e gustose abitudini alimentari.

Origini della Dieta Mediterranea

La dieta mediterranea affonda le sue origini nella storia del nostro paese che, a sua volta, le ha ereditate dalle abitudini alimentari greche, mantenute nei secoli, e poi, con grande saggezza, fatte proprie dalla tradizione contadina meridionale che ha saputo distribuire le scarse risorse alimentari di cui disponeva: pane, vino e olio come base da cui partire.

Dieta Mediterranea

La paternità della ricerca sulla Dieta Mediterranea è attribuita a Lorenzo Piroddi, studioso ligure attivo dalla prima metà del ‘900, che, per curare i suoi pazienti, analizzando la connessione tra abitudini alimentari e malattie del ricambio, ne elaborò una prima versione che limitava il consumo di grassi animali, privilegiando quelli vegetali.

E’ su questa ricerca che si innesta l’operato di Ancel Keys, noto fisiologo americano, che, con grande esperienza nel campo degli studi sulla nutrizione, rimase colpito dalle abitudini alimentari della popolazione del Cilento, da lui conosciuta come soldato sbarcato a Paestum al seguito della quinta Armata nel 1944. Terminata la guerra decise di trasferirsi in quella bellissima zona d’Italia e, precisamente, a Pioppi, una frazione di Pollica, un suggestivo paesino in cui visse per 28 anni, dedicandosi allo studio degli effetti che l’alimentazione del meridione aveva nei confronti delle malattie moderne, dette del benessere, quali ipertensione, arteriosclerosi, diabete, malattie cardiovascolari, tutte legate, secondo lui, alla cattiva alimentazione.

Dieta Mediterranea

L’indagine del nutrizionista della School of Public Health dell’Università del Minnesota si chiamò “Seven Countries Study”, Studio dei sette paesi, e rese popolare la Dieta Mediterranea in tutto il mondo, con la speranza che i concittadini statunitensi cambiassero le loro  abitudini, adottando quelle. Ricca di frutta, verdura, cereali integrali, legumi e olio d’oliva, è nota anche per essere povera di grassi saturi e ricca di proteine magre.

Tuttavia la definizione di “dieta mediterranea” ha lo scopo di identificarla con uno schema che è, soprattutto, culturale, anche se ogni paese lungo il Mare Nostrum ha tradizioni differenti. Scendiamo nel particolare: gli alimenti quotidiani erano il pane, la pasta, i legumi, l’olio di oliva, le verdure con poco formaggio, frutta e vino. Una volta a settimana erano concessi i cibi più grassi come salumi, pesce, carni, dolci. Grazie al lavoro del tempo che fu, non da scrivania, il tutto era integrato da una sana e e diffusa attività fisica. Il modello meridionale, confrontato in seguito con le diete di altri paesi a forte incidenza di malattie cardiovascolari, quali la Finlandia, la Germania, gli Stati Uniti, confermò la sua validità.

Chiamandosi “Mediterranea”, quale popolo è il suo vero creatore? Varie sono le ipotesi che si aggiungono a quelle di Lorenzo Piroddi e Ancel Keys. Dagli studi di Anika Rouf, una dietista e dottoranda della School of Life and Environmental Sciences presso l’Università di Sydney, si evince che la prima indagine scientifica sulla dieta mediterranea venne fatta nel 1948 dal governo greco per migliorare, dopo la seconda guerra mondiale, la salute della popolazione. I ricercatori alla fine scoprirono che l’alimentazione dei cretesi locali era molto sana e basata su verdure, frutta, erbe, olio d’oliva e fagioli, vino e proteine magre. Questa dieta, però, potrebbe essere nata da antiche e avanzate civiltà del Medio Oriente nel nono millennio a.C.

Ad avvalorare ciò, infatti, l’aver trovato prove archeologiche e botaniche a dimostrazione che la Siria, la Palestina e la Turchia meridionale avevano cereali e legumi; olive, fichi e viti si ritiene che furono diffuse in altre regioni del Mediterraneo da Greci e Fenici, canna da zucchero, mandorle, limoni e arance, invece, dai popoli arabi che avrebbero introdotto, anche, nuovi alimenti nella dieta europea portando melanzane, riso e alcune spezie.

La dieta mediterranea, considerata la migliore al mondo, è, quindi, la storia di magnifici scambi di cui le radici si sono quasi perse perché fanno capo a una stessa area geografica, madre di sane abitudini alimentari. Dalle teoria, però, passiamo alla pratica con la ricetta del “Tortino di alici“.

Ingredienti:

  • 1 kg di alici
  • pangrattato
  • prezzemolo
  • 1 spicchio d’aglio
  • 10 pomodorini
  • olio Evo
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Procedimento:

1.In una ciotola mettete pangrattato, prezzemolo e lo spicchio di aglio, tritati finemente.

2.Prendete le alici e, dopo averle lavate, prendete una pirofila, oliatela, fate uno primo strato di alici e un secondo col condimento, precedentemente fatto, aggiungendo qualche pomodorino tagliato a metà.

3.Aggiungete un pizzico di sale, pepe e fate il secondo strato.

4.Ponete in forno preriscaldato a 180° per circa 15, 20 minuti.

Altre idee: una bella pasta con peperoni, melanzane, zucchine e pomodorini; pollo agli agrumi o al curry e un’insalata di sedano, mele, noci e yogurt. Tutti suggerimenti in cui la vostra fantasia, con nuovi elementi, darà il meglio.

Buona e, soprattutto, sana “abbuffata“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.