La differenziata decolla ma nessuno sa di quanto. I dirigenti "dobbiamo ancora verificare" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

La differenziata decolla ma nessuno sa di quanto. I dirigenti “dobbiamo ancora verificare”

di
28 Gennaio 2017

Ma sarà vero che in sei mesi la raccolta differenziata in Sicilia è cresciuta di 1 punto ogni trenta giorni con la percentuale che a fine dicembre si è attestata al 21,05% rispetto al 15,41% registrato a giugno del 2016? Leggendo i dati raccolti dall’ufficio speciale per il monitoraggio della differenziata guidato da Salvo Cocina è proprio così. Tant’è che Rosario Crocetta parla di “successo” che va al di là delle aspettative del ministero dell’Ambiente che aveva imposto almeno un 3 per cento d’incremento in sei mesi.
crocetta contraffatto 2
Un trionfo ascrivibile, gongola Crocetta, all’azione messa in campo dal suo governo che durante l’emergenza della scorsa estate minacciò i comuni inadempienti di requisire le discariche pubbliche e di punirli con il taglio dei trasferimenti. E in questo modo avrebbe spinto parecchi enti locali a dare un’accelerata alla differenziata. La realtà però non è quella che appare. Il dato è vero, per carità, ma non dice come stanno le cose. Perché si tratta sì di incremento ma in termini di percentuale e non in valore. In sostanza, la differenziata non si sa bene dove vada a finire perché è gestita da imprese private che guadagnano due volte, dai comuni che conferiscono la spazzatura pagando un prezzo variabile anche in base al materiale e dai centri di compostaggio anche fuori dalla Sicilia.

“In effetti la crescita è in percentuale”, sussurra Maurizio Pirillo, il dirigente al quale Crocetta ha consegnato le chiavi del dipartimento rifiuti. Un burocrate di peso che dialoga no stop con la Presidenza, mal sopportato dall’assessore Vania Contrafatto. Da quanto si apprende la Regione non è in grado di sapere con esattezza l’eventuale aumento della quantità di rifiuti differenziati raccolti dai comuni che trasmettono all’osservatorio regionale gli aggiornamenti in percentuale. Non solo, la Regione non sarebbe in grado di verificare la veridicità di quelle informazioni per la complessità di un sistema che fa acqua da tutte le parti. Dalle tabelle emerge che a Palermo, secondo il dato del comune, la raccolta è al 13%. “Ma dobbiamo ancora verificare”, allarga le braccia Cocina.

Discorso analogo vale per Catania, che si attesterebbe tra il 13 e il 14%: sul capoluogo etneo l’ufficio speciale della Regione ha acceso un faro perché sospetta anomalie nel contratto ponte firmato a dicembre dall’amministrazione di Enzo Bianco con Ipi-Oikos, quest’ultima società titolare della discarica Valanghe d’Inverno e dell’appalto sui servizi di nettezza urbana a Catania, affidata ai commissari dopo le inchieste per corruzione che hanno coinvolto il ‘re’ dei rifiuti Domenico Proto. Intorno al 10% è anche Messina, la peggiore invece è Siracusa, con la raccolta differenziata ferma intorno al 5%. “Da soli questi quattro comuni rappresentano il 30% della popolazione siciliana – afferma Cocina – Sono loro il dramma della Sicilia, fanno abbassare la media regionale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro