La difficile eredità dei voti del Megafono e della lista Micari. Il Pd aspetta e spera :ilSicilia.it

Verso il voto del 5 novembre

La difficile eredità dei voti del Megafono e della lista Micari. Il Pd aspetta e spera

di
17 Ottobre 2017

Sulla vicenda dell’esclusione della lista Micari a Messina, Crocetta ripete un ritornello amaro. In parte deluso, in parte rassegnato, laconico, ma realista: “Non si è tenuto assolutamente conto del fatto che una parte dei documenti erano dentro e una parte era rimasta fuori”. Il presidente della Regione uscente non si fa illusioni, ma il verdetto che mette fuori dai giochi lui e la lista Micari a Messina,  a suo avviso, non ha tenuto conto di molte cose: “Aspettiamo il Cga”, è il suo breve commento.

Se, come appare probabile, il Cga (Consiglio di giustizia Amministrativa) non ribalterà il doppio pronunciamento dei Tar di Palermo e Messina, (verdetto atteso per oggi), scatterà ufficialmente nel Pd la corsa ai voti della lista Micari e dei  candidati, tra cui il presidente uscente della Regione, Rosario Crocetta. Un’operazione non scontata e automatica che presenta margini di difficoltà rilevante, anche perché il ”liberi tutti”, all’indomani dell’ultimo atto, quasi una pura formalità, in molti casi potrebbe già essere scattato da tempo.

La trasferibilità del consenso è una scienza poco esatta e se da una parte Crocetta per primo ha assicurato fino alla fine il massimo impegno a battere il territorio a sostegno di Micari, dall’altra i rapporti di forza e l’organizzazione del consenso potrebbe non orientarsi del tutto verso un valore aggiunto del Pd a Messina.
Ottimista un dirigente del Megafono di Catania, che preferisce restare anonimo, che si lascia andare a un commento “interessato”: “Faraone e Orlando sono incastrati, devono sostenere la lista Micari perché hanno i loro candidati in campo. I voti di Messina, anche se dovessero essere 8 o 10 mila, potrebbero determinare un deputato”

Tesi suggestiva e affascinante, per certi aspetti anche verosimile, ma che potrebbe rivelarsi complessa in dettaglio con sfaccettature e zone d’ombra. Senza contare che ci vuole molta fede e devozione per essere accolta senza il ragionevole dubbio di imboscate, diversificazioni nei territori, prese di distanze e vere e proprio rinunce. Del resto la vicenda Dem a Messina negli ultimi mesi è stata paradigmatica della crisi renziana in Sicilia. Una crisi di vocazioni, di uomini e di facce da mettere in campo.

Intanto proseguono, delineati sul campo, gli scontri principali nelle province più grosse come Catania, Palermo e Siracusa. Sammartino e Barbagallo continuano ad essere davanti nella provincia etnea con l’assessore alla Salute Baldo Gucciardi in lotta con Paolo Ruggirello per un seggio a Trapani. A Siracusa  Marziano trova in Amenta e Cafeo gli ostacoli più rilevanti e significativi, mentre tra Lupo e Cracolici a Palermo difficilmente potrà spuntare un terzo incomodo. Appaiono in ogni caso candidature di un certo peso quelle di Fabrizio Ferrara e dell’ex sindaco di Partinico  Salvo Lo Biundo.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin