L'ex dirigente Corsello rinviata a giudizio per peculato con indebita "autoliquidazione" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

La dirigente si sarebbe appropriata di compensi relativi a incarichi aggiuntivi

L’ex dirigente Corsello rinviata a giudizio per peculato con indebita “autoliquidazione”

di
12 Dicembre 2016

La storia tra l’ex dirigente regionale dell’assessorato alla Formazione, Anna Rosa Corsello, e la società partecipata della Regione Biosphera non era cominciata sotto i migliori auspici. Corsello era stata nominata commissario liquidatore della società e gli scontri erano cominciati quasi subito. Adesso l’ex dirigente è stata rinviata a giudizio – il processo comincerà il 6 marzo davanti alla terza sezione del Tribunale di Palermo – per peculato.

corte_dei_conti_della_sicilia_nNella liquidazione di due società partecipate dalla Regione Siciliana, Biosphera SpA e Multiservizi SpA, l’ex dirigente – secondo gli elementi raccolti dagli inquirenti – avrebbe commesso peculato con l’indebita “autoliquidazione” di compensi in qualità di commissario delle due società partecipate, carica ricoperta dall’ex dirigente Regionale già dal 2011. Secondo gli investigatori, Anna Rosa Corsello si sarebbe appropriata di compensi relativi a incarichi aggiuntivi, che dovevano essere obbligatoriamente versati alla propria amministrazione e confluire nelle risorse destinate al trattamento economico accessorio della dirigenza. Perciò l’accusa per l’ex dirigente è di violazione il principio di onnicomprensività del trattamento retributivo dei dirigenti pubblici. Le indagini di polizia giudiziaria, coordinate dal procuratore aggiunto Dino Petralia dal sostituto procuratore Luca Battinieri, sono scaturite da accertamenti preliminari e istruttori delegati ai finanzieri dalla Procura regionale della Corte dei conti.

La guerra era cominciata ben prima, nel 2014, quando il collegio sindacale dell’azienda controllata dalla Regione chiese la revoca dell’incarico di Anna Rosa Corsello per “gravi irregolarità e omissioni”. Irregolarità e omissioni che, però, per Anna Rosa Corsello, semplicemente, non sussistono: “Tutti gli adempimenti sono stati attivati. Il collegio sindacale, forse, non ha la situazione chiara”, disse. Il collegio sindacale presentò un ampio campionario di contestazioni, dal mancato versamento dell’Iva, delle ritenute fiscali e dei contributi previdenziali di ottobre e dicembre 2012 alla mancata riscossione di un credito da sei milioni di euro. La dirigente-liquidatrice, però, si difese. “Il credito – aggiunse – viene riportato da anni. È un credito nei confronti della Regione, che controlla Biosphera, e non è né liquido né esigibile, e anzi è stato oggetto di contestazione. In base a un regolamento del 2001, prima di avviare un’azione legale contro la Regione siamo tenuti ad attivare un tavolo di conciliazione con l’assessorato al Bilancio”.
© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin