"La Domenica Favorita": al via la terza edizione con un evento inaugurale | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Cinque le domeniche in programma

“La Domenica Favorita”: al via la terza edizione con un evento inaugurale | VIDEO

di
8 Marzo 2019

Guarda il video in alto 

L’edizione 2019 de “La Domenica Favorita“, la manifestazione che si rivolge alle famiglie con una serie di appuntamenti culturali, sportivi e ludici, all’interno del Parco Reale della Favorita, si aprirà domenica 17 marzo con un evento inaugurale (dalle 10 alle 14).

A dare il via al fitto programma, che prevede oltre quaranta appuntamenti, sarà la Celebrazione Eucaristica, prevista per le 10,15, all’interno della Cappella del Museo Pitrè, aperta in via eccezionale per l’occasione, a cui parteciperanno le autorità cittadine, le Istituzioni e delle Associazioni coinvolte; al termine la Banda Meccanizzata Brigata Aosta eseguirà l’inno nazionale.

La manifestazione che si svolge in un luogo eccezionale se si considera la sua estensione, il più grande in Italia, superiore a quella del Central Park di New York e che vanta al suo interno due riserve naturali, unico esempio in Europa, nelle scorse edizioni ha già riscosso un grande successo di pubblico, registrando l’apprezzamento di grandi e piccini.

Al link il programma dell’evento-inaugurale de la-Domenica-Favorita-2019 con il cartellone completo delle attività di domenica 17 marzo. In via del tutto eccezionale per questo primo appuntamento il Parco sarà aperto al traffico e le attività previste si concentreranno su un’area limitata a Villa Niscemi e alla Palazzina Cinese.

Per le successive domeniche in programma, 7 e 14 aprile, 5 e 12 maggio le attività si svolgeranno nell’intera area del Parco che verrà chiuso al traffico.

La Favorita è senza dubbio un simbolo di Palermo. E’ il più visitato e frequentato parco della città, con Monte Pellegrino e le borgate marinare ai suoi limiti – ha dichiarato il sindaco Orlando – E’ il simbolo della possibilità di far rinascere una zona della città a lungo abbandonata. E’ soprattutto il simbolo dell’importanza della collaborazione fra l’Amministrazione comunale e i privati, semplici cittadini ed associazioni, che hanno a cuore la nostra città e il suo sviluppo. L’obiettivo principale a cui puntiamo, però,  è presentare, già a chiusura di questa edizione, un percorso per mettere in sicurezza la manifestazione, affinché diventi un appuntamento costante e non più limitato a poche domeniche all’anno“.

Nicola Fabio Corsini
Fabio Corsini

Vogliamo dare continuità e sistematicità a questo progetto – ha detto Nicola Fabio Corsini, socio fondatore del Comitato “La Domenica Favorita” insieme a Nicola Tricomi e Marco Lampasona – rinnovando di anno in anno il nostro impegno. La manifestazione, è un modello innovativo ed unico di partenariato pubblico privato per la valorizzazione e la fruizione di un bene comune. Come Comitato Promotore l’obiettivo che ci poniamo è quello di dare sistematicità e continuità al Progetto“.

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.