La Famiglia Addams e il dadaismo social del sindaco di Palermo :ilSicilia.it
Palermo

La novità

La Famiglia Addams e il dadaismo social del sindaco di Palermo

di
2 Marzo 2021

Arriva l’Agenzia territoriale per la famiglia e la genitorialità, perché ogni famiglia abbia servizi, assistenza, accompagnamento”.

15 sportelli in tutta la provincia di cui 9 in città, con psicologi, assistenti sociali, educatori, pedagogisti, avvocati. Un servizio che si integra con l’Agenzia sociale per la casa per prendersi cura dei bisogni di tutti”, così esordisce in un post sulla pagina Facebook Leoluca Orlando, sindaco della Città Metropolitana di Palermo.

Un modo senza dubbio originale, quello scelto dal social media Manager di Leoluca Orlando per pubblicizzare con un post su Facebook l’agenzia territoriale per la famiglia e la genitorialità.

Sul profilo Facebook del primo cittadino di Palermo ha fatto infatti capolino la foto della Famiglia Addams, il popolare telefilm, poi diventato film negli anni 90, che ha tenuto tante generazioni incollati allo schermo. Una idea davvero particolare, che però alcuni non hanno apprezzato, esprimendo dubbi e perplessità sulla scelta.

 

LA SPIEGAZIONE DI ORLANDO

Oggi ho pubblicato un post per comunicare che il Comune si appresta ad attivare un servizio, con un investimento di 3 milioni di euro, che si chiama “Agenzia per la famiglia”. L’immagine che lo accompagna è quello della celebre famiglia Addams. Una famiglia “non normale” agli occhi di tanti. Era un modo, voluto, per sottolineare che appunto il nostro intento è quello di rivolgersi a tutte le famiglie, tutte portatrici di difetti, vizi e virtù.
Come spesso accade, soprattutto in queste pagine cosiddette sociali, in tanti si sono soffermati sull’immagine piuttosto che sul contenuto del post, commentando appunto l’immagine stessa più che la notizia dell’Agenzia.
Chi avesse avuto voglia di approfondire, avrebbe scoperto che il servizio si rivolte a “famiglie con figli minori, famiglie monoparentali, famiglie ricomposte, giovani coppie, famiglie di recente immigrazione e tutti quei nuclei che si trovano ad affrontare difficoltà temporanee o che desiderano approfondire determinati aspetti legati alla famiglia stessa.”
Insomma appunto un’idea rivolta a tutte le famiglie e a tutti i genitori.
Spero che ora, con questa più rassicurante raccolta di immagini di famiglie presunte normali, ci si concentri più sul contenuto.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin