La Famiglia Addams e il dadaismo social del sindaco di Palermo :ilSicilia.it
Palermo

La novità

La Famiglia Addams e il dadaismo social del sindaco di Palermo

di
2 Marzo 2021

Arriva l’Agenzia territoriale per la famiglia e la genitorialità, perché ogni famiglia abbia servizi, assistenza, accompagnamento”.

15 sportelli in tutta la provincia di cui 9 in città, con psicologi, assistenti sociali, educatori, pedagogisti, avvocati. Un servizio che si integra con l’Agenzia sociale per la casa per prendersi cura dei bisogni di tutti”, così esordisce in un post sulla pagina Facebook Leoluca Orlando, sindaco della Città Metropolitana di Palermo.

Un modo senza dubbio originale, quello scelto dal social media Manager di Leoluca Orlando per pubblicizzare con un post su Facebook l’agenzia territoriale per la famiglia e la genitorialità.

Sul profilo Facebook del primo cittadino di Palermo ha fatto infatti capolino la foto della Famiglia Addams, il popolare telefilm, poi diventato film negli anni 90, che ha tenuto tante generazioni incollati allo schermo. Una idea davvero particolare, che però alcuni non hanno apprezzato, esprimendo dubbi e perplessità sulla scelta.

 

LA SPIEGAZIONE DI ORLANDO

Oggi ho pubblicato un post per comunicare che il Comune si appresta ad attivare un servizio, con un investimento di 3 milioni di euro, che si chiama “Agenzia per la famiglia”. L’immagine che lo accompagna è quello della celebre famiglia Addams. Una famiglia “non normale” agli occhi di tanti. Era un modo, voluto, per sottolineare che appunto il nostro intento è quello di rivolgersi a tutte le famiglie, tutte portatrici di difetti, vizi e virtù.
Come spesso accade, soprattutto in queste pagine cosiddette sociali, in tanti si sono soffermati sull’immagine piuttosto che sul contenuto del post, commentando appunto l’immagine stessa più che la notizia dell’Agenzia.
Chi avesse avuto voglia di approfondire, avrebbe scoperto che il servizio si rivolte a “famiglie con figli minori, famiglie monoparentali, famiglie ricomposte, giovani coppie, famiglie di recente immigrazione e tutti quei nuclei che si trovano ad affrontare difficoltà temporanee o che desiderano approfondire determinati aspetti legati alla famiglia stessa.”
Insomma appunto un’idea rivolta a tutte le famiglie e a tutti i genitori.
Spero che ora, con questa più rassicurante raccolta di immagini di famiglie presunte normali, ci si concentri più sul contenuto.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin