La fiaccolata di Figuccia: centinaia di persone in piazza contro i vitalizi :ilSicilia.it

ieri sera a Palermo

La fiaccolata di Figuccia: centinaia di persone in piazza contro i vitalizi

13 Novembre 2019

Centinaia di persone ieri sera sono scese in piazza insieme al deputato regionale Vincenzo Figuccia per dire che i vitalizi vanno ridotti.

L’allerta meteo non ha fermato la protesta, così tanti siciliani, giovani e meno giovani, si sono dati appuntamento per manifestare contro il taglietto del 9% ai vitalizi degli ex parlamentari regionali.

“Questa farsa – dice Figuccia che ha organizzato l’evento – rischia di condannarci ad una riduzione dei trasferimenti da parte dello stato per cui, se non dovessimo procedere adeguandoci al resto del paese, finiremmo con l’amputare alla Sicilia 70 milioni di trasferimenti indispensabili per realizzare strade, ospedali, infrastrutture e contrasto al dissesto idrogeologico.

Chiedo – conclude – che il presidente dell’Assemblea calendarizzi immediatamente il disegno di legge che preveda un taglio adeguato e annuncio sin d’ora che per la votazione in aula chiederò il voto nominale in modo che i siciliani tutti sappiano da che parte sta ogni singolo deputato regionale”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.