La Fisascat Cisl al Ministero: "Il Patto di servizio per i lavoratori del turismo va rivisto" :ilSicilia.it
Messina

l'odissea di 20 mila impiegati

La Fisascat Cisl al Ministero: “Il Patto di servizio per i lavoratori del turismo va rivisto”

di
14 Novembre 2018

Conclusa la stagione turistica, è in corso per migliaia di lavoratori il “rito” annuale dell’obbligo di recarsi ai Centri Impiego per la procedura finalizzata ad ottenere l’erogazione della Naspi. Si registrano lunghe code e snervanti attese per accedere all’indennità di disoccupazione in un territorio, quello di Taormina ed hinterland sino a tutto il messinese, dove oltre 20 mila lavoratori stagionali del comparto turismo, commercio e servizi si apprestano ad affrontare un inverno difficile e già a febbraio avranno finito di percepire le mensilità (tre) Naspi.

E la Fisascat Cisl scrive intanto al Dipartimento regionale del Lavoro e dell’Impiego e al Ministero del Lavoro per avere chiarimenti urgenti in merito al “patto di servizio per i lavoratori stagionali della provincia di Messina” e “risparmiare l’ulteriore mortificazione ai lavoratori costretti oggi anche a recarsi mensilmente al Centro Impiego, nel periodo di non occupazione, per attestare con la firma apposita da un’azienda di aver ricercato senza alcun esito un lavoro nei mesi invernali”.

“Richiediamo chiarimenti – afferma il segretario generale della Fisascat Cisl Messina, Salvatore D’Agostino – sulle procedure previste per i lavoratori stagionali del settore turismo a seguito della chiusura dei rapporti lavorativi legati alla mancanza dei flussi turistici. Chiediamo un pronunciamento circa la possibilità di evitare ai lavoratori disoccupati, che hanno già provveduto ad instaurare il patto di servizio, di recarsi presso gli uffici di collocamento dei comprensori turistici con cadenza mensile, così come successo negli anni precedenti, in quanto rimane molto difficile ai lavoratori e disoccupati in questione, reperire aziende che possano recepire proposte lavorative noi periodi invernali in mancanza di attività lavorative aperte, mortificando ancora di più questi lavoratori che già si vedono costretti a fermare la propria attività lavorativa non per loro volontà”.

“Si richiede tale sensibilizzazione da parte vostra – continua D’Agostino – in quanto già in uso in tante regioni italiane a vocazione turistica, dove i lavoratori stagionali vengono invitati a ripresentarsi non prima di tre mesi, in prossimità della possibile ripresa lavorativa o in caso di una chiamata lavorativa da parte degli uffici di collocamento”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin