La Fondazione TaoArte diventa realtà ma la Regione quale bene conferirà? :ilSicilia.it
Taormina

Si complica l'ipotesi Palazzo Ciampoli

La Fondazione TaoArte diventa realtà, ma la Regione quale bene conferirà?

di
26 Aprile 2018

Al crepuscolo di un’attesa durata un ventennio la trasformazione di TaoArte da Comitato in Fondazione diventa realtà. La svolta è stata praticamente sancita nelle scorse ore dal Consiglio comunale di Taormina che ha approvato lo Statuto e ha anche conferito il bene a titolo di patrimonio all’ente culturale, individuato nel palazzo dell’ex pretura di Corso Umberto.

Adesso, insomma, dopo diversi anni di profonda crisi economica e “vacche magre”, sul piano finanziario e programmatico, TaoArte riparte da una svolta che consentirà soprattutto di ripianare i debiti e dovrebbe dare solidità alle attività della struttura. Non mancano, tuttavia, ancora adesso alcuni punti interrogativi e nodi che restano da sciogliere.

Si attende, infatti, che si concretizzi anche il conferimento di patrimonio da parte degli altri partner e soci fondatori della Fondazione, ovvero la Città Metropolitana di Messina, il Comune di Messina e soprattutto la Regione Siciliana. La Fondazione Taormina Arte – Sicilia (questa la dicitura esatta) attende in particolare le scelte che verranno fatte a Palermo.

palazzo-ciampoli
Palazzo Ciampoli

Sino a qualche tempo fa l’ipotesi che sembrava molto probabile era addirittura quella del conferimento di Palazzo Ciampoli, gioiello di cui è titolare proprio la Regione a Taormina. Il palazzo del 1412 è stato dato in gestione lo scorso autunno, con apposita convenzione, al Comune di Taormina, che però lamenta di non aver mai ricevuto le chiavi. Niente consegna, di conseguenza il palazzo è rimasto chiuso.

Da qui la dura presa di posizione del deputato Nino Germanà che ha chiesto alla Regione ed in primis al neoassessore ai Beni Culturali, Sebastiano Tusa, di togliere il bene al Comune “per inadempienza e incapacità degli amministratori”, e riportarlo nella piena disponibilità della Regione Siciliana. Non il miglior viatico per un conferimento che pure dovrà avvenire in tempi brevi ma in uno scenario politico decisamente mutato rispetto ai mesi scorsi. Senza dimenticare che su Palazzo Ciampoli esiste un vincolo di destinazione d’uso, intervenuto al momento in cui il bene fu espropriato dalla Regione alla ex proprietà e ad oggi potrebbe essere sede soltanto di un museo etnoantropologico.

Chi ha fretta di definire le pratiche e ultimare i passaggi della costituenda Fondazione è il commissario straordinario della Fondazione, Pietro Di Miceli, che ha atteso le decisioni del Consiglio comunale di Taormina e in caso di voto negativo allo Statuto avrebbe rassegnato le dimissioni. Resta da capire anche cosa daranno alla Fondazione il Comune di Messina e la Città Metropolitana, due realtà sin qui andate per lo più al traino di Taormina negli anni del Comitato TaoArte e spesso trovatesi anche al centro di polemiche sulle vicende dell’ente culturale.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin