La Fondazione TaoArte diventa realtà ma la Regione quale bene conferirà? :ilSicilia.it
Taormina

Si complica l'ipotesi Palazzo Ciampoli

La Fondazione TaoArte diventa realtà, ma la Regione quale bene conferirà?

di
26 Aprile 2018

Al crepuscolo di un’attesa durata un ventennio la trasformazione di TaoArte da Comitato in Fondazione diventa realtà. La svolta è stata praticamente sancita nelle scorse ore dal Consiglio comunale di Taormina che ha approvato lo Statuto e ha anche conferito il bene a titolo di patrimonio all’ente culturale, individuato nel palazzo dell’ex pretura di Corso Umberto.

Adesso, insomma, dopo diversi anni di profonda crisi economica e “vacche magre”, sul piano finanziario e programmatico, TaoArte riparte da una svolta che consentirà soprattutto di ripianare i debiti e dovrebbe dare solidità alle attività della struttura. Non mancano, tuttavia, ancora adesso alcuni punti interrogativi e nodi che restano da sciogliere.

Si attende, infatti, che si concretizzi anche il conferimento di patrimonio da parte degli altri partner e soci fondatori della Fondazione, ovvero la Città Metropolitana di Messina, il Comune di Messina e soprattutto la Regione Siciliana. La Fondazione Taormina Arte – Sicilia (questa la dicitura esatta) attende in particolare le scelte che verranno fatte a Palermo.

palazzo-ciampoli
Palazzo Ciampoli

Sino a qualche tempo fa l’ipotesi che sembrava molto probabile era addirittura quella del conferimento di Palazzo Ciampoli, gioiello di cui è titolare proprio la Regione a Taormina. Il palazzo del 1412 è stato dato in gestione lo scorso autunno, con apposita convenzione, al Comune di Taormina, che però lamenta di non aver mai ricevuto le chiavi. Niente consegna, di conseguenza il palazzo è rimasto chiuso.

Da qui la dura presa di posizione del deputato Nino Germanà che ha chiesto alla Regione ed in primis al neoassessore ai Beni Culturali, Sebastiano Tusa, di togliere il bene al Comune “per inadempienza e incapacità degli amministratori”, e riportarlo nella piena disponibilità della Regione Siciliana. Non il miglior viatico per un conferimento che pure dovrà avvenire in tempi brevi ma in uno scenario politico decisamente mutato rispetto ai mesi scorsi. Senza dimenticare che su Palazzo Ciampoli esiste un vincolo di destinazione d’uso, intervenuto al momento in cui il bene fu espropriato dalla Regione alla ex proprietà e ad oggi potrebbe essere sede soltanto di un museo etnoantropologico.

Chi ha fretta di definire le pratiche e ultimare i passaggi della costituenda Fondazione è il commissario straordinario della Fondazione, Pietro Di Miceli, che ha atteso le decisioni del Consiglio comunale di Taormina e in caso di voto negativo allo Statuto avrebbe rassegnato le dimissioni. Resta da capire anche cosa daranno alla Fondazione il Comune di Messina e la Città Metropolitana, due realtà sin qui andate per lo più al traino di Taormina negli anni del Comitato TaoArte e spesso trovatesi anche al centro di polemiche sulle vicende dell’ente culturale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.