La gaffe della sedia, ma Draghi ha sbagliato con Erdogan :ilSicilia.it
Banner Bibo

la riflessione

La gaffe della sedia, ma Draghi ha sbagliato con Erdogan

di
10 Aprile 2021

Chiamiamo le cose con il loro nome. Quella di Draghi è stata una gaffe. Sì, definire Erdogan un dittatore può essere qualcosa che ci può far piacere ma da un punto di vista di relazioni internazionali è un errore.

Certo Draghi era di ritorno dalla Libia e dalla dichiarazione di ringraziamento nei confronti di della guardia libica per i salvataggi, che alcuni hanno chiamato catture, dei migranti e quindi aveva bisogno di dare un messaggio agli italiani ed agli europei su quale lato della barricata lui stava.

Peraltro l’immagine di questa donna piccolina, la Ursula Von der Leyen, messa all’angolo su un su un divano mentre i due machi maschi stavano sulle poltroncine gli avrà dato un fastidio tale che la parola dittatore gli è venuta spontanea. Anche se é discutibile da un punto di vista diplomatico se viene prima il presidente del consiglio europeo, che coordina i capi di Stato, o la Presidente della commissione, che è il capo del Governo europeo.

Ma in realtà il tema di fondo è che, come ha precisato bene anche Draghi, con tanti paesi nel mondo a cominciare dalla Cina bisogna cooperare. Chiameremo Xi Jinping dittatore per tutto quello che succede a Hong Kong? O Putin, come ha fatto Biden, per le persecuzioni ed alcune volte per essere accusato di essere mandante di omicidi? Chiameremo il principe dell’Arabia Saudita Muhammad Bin Salman dittatore? E non é poi vero che in Arabia Saudita come dice Renzi vi sia un processo importante rinascimentale? O Lorenzo il Magnifico a Firenze era più tenero con i suoi nemici di quanto non sia il principe? O Jair Bolsonaro con il suo approccio al problema Covid in Brasile non può essere accusato di genocidio? Cosa diremo di quello che sta accadendo in Myanmar?

Purtroppo la ragion di Stato ci costringe a confrontarci con tante forme di governo che di democrazie hanno poco. E risposte del tipo che era stato eletto da una corpo elettorale numeroso mentre Draghi è un nominato, anche se con procedure assolutamente previste dalla nostra costituzione, può essere una risposta che ci si può aspettare compreso il riferimento alla nostra dittatura del ventennio.

Adesso bisognerà fare marcia indietro perché, aldilà degli applausi delle nostre forze politiche e di parte, solo parte, dell’Unione Europea, con la Turchia sarà necessario confrontarsi, compreso per il problema relativo all’immigrazione dei siriani. Avendo chiaro che come in Libia li finanziamo con grandi risorse perché blocchino i migranti in pseudo campi di concentramento. Purtroppo con tutto questo bisogna convivere cosa che fa anche il Vaticano per una ragion di Stato che non si può dimenticare.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco