La gaffe della sedia, ma Draghi ha sbagliato con Erdogan :ilSicilia.it

la riflessione

La gaffe della sedia, ma Draghi ha sbagliato con Erdogan

di
10 Aprile 2021

Chiamiamo le cose con il loro nome. Quella di Draghi è stata una gaffe. Sì, definire Erdogan un dittatore può essere qualcosa che ci può far piacere ma da un punto di vista di relazioni internazionali è un errore.

Certo Draghi era di ritorno dalla Libia e dalla dichiarazione di ringraziamento nei confronti di della guardia libica per i salvataggi, che alcuni hanno chiamato catture, dei migranti e quindi aveva bisogno di dare un messaggio agli italiani ed agli europei su quale lato della barricata lui stava.

Peraltro l’immagine di questa donna piccolina, la Ursula Von der Leyen, messa all’angolo su un su un divano mentre i due machi maschi stavano sulle poltroncine gli avrà dato un fastidio tale che la parola dittatore gli è venuta spontanea. Anche se é discutibile da un punto di vista diplomatico se viene prima il presidente del consiglio europeo, che coordina i capi di Stato, o la Presidente della commissione, che è il capo del Governo europeo.

Ma in realtà il tema di fondo è che, come ha precisato bene anche Draghi, con tanti paesi nel mondo a cominciare dalla Cina bisogna cooperare. Chiameremo Xi Jinping dittatore per tutto quello che succede a Hong Kong? O Putin, come ha fatto Biden, per le persecuzioni ed alcune volte per essere accusato di essere mandante di omicidi? Chiameremo il principe dell’Arabia Saudita Muhammad Bin Salman dittatore? E non é poi vero che in Arabia Saudita come dice Renzi vi sia un processo importante rinascimentale? O Lorenzo il Magnifico a Firenze era più tenero con i suoi nemici di quanto non sia il principe? O Jair Bolsonaro con il suo approccio al problema Covid in Brasile non può essere accusato di genocidio? Cosa diremo di quello che sta accadendo in Myanmar?

Purtroppo la ragion di Stato ci costringe a confrontarci con tante forme di governo che di democrazie hanno poco. E risposte del tipo che era stato eletto da una corpo elettorale numeroso mentre Draghi è un nominato, anche se con procedure assolutamente previste dalla nostra costituzione, può essere una risposta che ci si può aspettare compreso il riferimento alla nostra dittatura del ventennio.

Adesso bisognerà fare marcia indietro perché, aldilà degli applausi delle nostre forze politiche e di parte, solo parte, dell’Unione Europea, con la Turchia sarà necessario confrontarsi, compreso per il problema relativo all’immigrazione dei siriani. Avendo chiaro che come in Libia li finanziamo con grandi risorse perché blocchino i migranti in pseudo campi di concentramento. Purtroppo con tutto questo bisogna convivere cosa che fa anche il Vaticano per una ragion di Stato che non si può dimenticare.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.