La Galleria d'Arte Moderna dialoga con il contemporaneo con un'esposizione permanente di artisti siciliani :ilSicilia.it
Palermo

Le opere in mostra sono state donate alla GAM

La Galleria d’Arte Moderna dialoga con il contemporaneo con un’esposizione permanente di artisti siciliani

di
22 Giugno 2017

Il progetto under 40 lanciato nel 2010, che coinvolgeva artisti siciliani del versante dell’arte contemporanea, lo aveva fortemente voluto Andrea Di Marco, artista palermitano scomparso prematuramente, considerato il Pasolini della pittura.

La sua lungimiranza nel promuovere la confluenza del contemporaneo nel tempio del moderno a Palermo, gli spazi della Galleria d’arte Moderna appunto, ha visto a distanza di anni la realizzazione di un nucleo permanente di opere, esposte nella sala a lui intitolata.

Dipinti, installazioni, fotografie di artisti quali Francesco Simeti, Francesco Lauretta, Stefania Galegati Shines, Adalberto Abbate, Sandro Scalia, Mario Airo’, Gianluca Concialdi, Andrea Di Marco, Laboratorio Cucchi-Saccardi, Davide Bramante, Loredana Longo, Giovanni Iudice, Studio ++, William Marc Zanghi.

Ognuno di loro, infatti, ha donato negli anni un’opera alla Galleria che, come ha dichiarato la direttrice Antonella Purpura, pur essendo custode dell’arte moderna vuole mantenere aperta una finestra di dialogo con il contemporaneo, nell’ottica di una valorizzazione del patrimonio presente.

L’esposizione è stata curata da Agata Polizzi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.