La gelosia può indicare che è il momento di salutarsi: Adieu, Ciao Ciao, Auf Wiedersehen, Goodbye… :ilSicilia.it

DAL BLOG LIBERINOBILI

La gelosia può indicare che è il momento di salutarsi: Adieu, Ciao Ciao, Auf Wiedersehen, Goodbye…

di
1 Luglio 2020

Le parole sono importante veicolo di verità soggettive, di sentimenti dolorosi se non di positività, amore e gioia. Oggi vi lancerò una patata bella bollente perché proverò ad analizzare al meglio un lemma noto non soltanto agli innamorati: la gelosia. Prima di attingere alle mie competenze psicoanalitiche, psicopatologiche e metamediche ritengo opportuno soffermarci sul suo significato etimologico che trovo a dir poco interessante! Deriva, infatti, dal greco “zelos” che nasconde vari concetti, come ci conferma il dizionario Olivetti:

  •  zelo, ammirazione, vivo desiderio, ambizione, passione per qualcosa/qualcuno
  • oggetto d’ammirazione e di desiderio, fortuna
  • invidia, gelosia; avversione verso chi è (o sembra) preferito a noi
  • emulazione, imitazione
  • ira
  • impeti d’ira

Si tratta, dunque, di una parola tanto comune ma altrettanto complessa nei suoi significati e significanti. La radice è la stessa: il timore di perdere qualcosa o qualcuno a cui si è legati, la tendenza umana all’attaccamento e il bisogno, non sempre sano, di possesso ovvero del rassicurante senso che dà la stabilità connessa all’avere punti di riferimento certi e costanti.

La gelosia è, quindi, il sentimento di dubbio ansioso che si genera per motivi reali o immaginari oppure per bisogni eccessivi di conferme e rassicurazioni. Il timore di perdere l’altro è un motore positivo quando spinge a comportarsi nel modo migliore possibile per non ferirlo o non deluderlo ma può sottendere dei pattern cognitivi, affettivi e relazionali insani oltre che la consapevolezza, negata alla coscienza per proteggere l’Io da idee strazianti, che l’altro è infedele e sleale. Avere paura che il “congiunto” ci venga sottratto, di conseguenza, ci può stare ma entro certi limiti. Tornando alla radice semantica “zelo” essa conduce a una riflessione ulteriore in quanto cifra di passione. Così la gelosia genera anche frustrazione, rabbia, fino a sfociare in deliri paranoici e patologie organiche, come quelle legate agli sfinteri (la stipsi, per es.) che hanno lo scopo o il bisogno inconsapevole di trattenere, possedere, introiettare (Freud). Anche se si è “vittime” passive di malati cronici di gelosia non esiste casualità ma qualcosa da analizzare, elaborare, correggere o con cui fare pace dentro di noi.

Situazioni di rotture affettive vissute nel passato possono aver fatto nascere il timore di essere nuovamente abbandonati e causato una nevrosi dell’abbandono. La persona che ne soffre vive con l’angoscia di essere lasciata, cosa che la spinge a essere gelosa, controllante, paranoica, possessiva, soffocante, castrante, ricorrendo a suppliche, pianti, minacce (Claudia Rainville). Tutto questo corrisponde a patologie gastroenteriche, dermatologiche, etc.

La gelosia è indicativa di disturbi dell’autostima ed è presente in misura ridondante in coloro che provano invidia nei confronti degli altri, perché non si sentono sempre i migliori, non sono sempre attenzionati dal partner, non sono i più attraenti per lui/lei e utilizzano massicciamente meccanismi di difesa paranoidei per cui vedono il proprio amato/-a sempre insidiato da rivali. Nell’antica Persia, la gelosia era un marchingegno di legno o di ferro, una specie di persiana o serranda che si metteva alle finestre per lasciare passare la luce, per cui dall’interno si poteva vedere fuori ma da fuori non l’interno. Questi serramenti sono stati inventati dai mariti proprio per motivi di gelosia nei confronti delle mogli (Fausto Raso).

In conclusione, più si è sicuri di sé e si lavora sull’autostima, non si ha paura dell’abbandono e della singletudine, più si lasciano andare i dogmi e le convinzioni secondo cui a ogni costo dobbiamo preservare un rapporto dalla conclusione ma, al contrario, si accetta che l’amore è ciclico, se parliamo di coppie – può rinnovarsi o terminare -, che è normale non potere essere i figli unici, i più belli del reame o zelanti, più impareremo ad ascoltare il nostro istinto e a soddisfare i nostri bisogni sin da bambini e maggiore sarà la possibilità di utilizzare questo sentimento non per soffrire ma per valutare e comprendere meglio la situazione. Non è un errore pensare che la gelosia sia un campanello di allarme. Può trattarsi del risultato di complesse operazioni difensive interne che ci hanno fatto rilevare dei segnali di incompatibilità, di incongruenza, di “inizio della fine”, etc.

Personalmente, ritengo che la fiducia sia alla base di ogni rapporto e altro non è se non l’attribuzione di potenzialità conformi ai propri desideri, sostanzialmente motivata da una vera o presunta affinità elettiva ovvero da uno sperimentato o supposto margine di garanzia (Oxford Languages) ma significa anche aver fiducia nelle proprie forze e in quelle universali che spingono, non a caso, due individui a frequentarsi e a progettare (un incontro, un viaggio, un percorso di vita insieme). Se, malauguratamente, si iniziano a leggere fra le righe indizi di “distrazione” credo che la migliore cosa da fare per se stessi e per l’altro è, molto serenamente, accettare che si è giunti davanti a un bivio per cui si deve indurre tout court a una scelta perché è giusto che si richiedano certe attenzioni e privilegi.

La gelosia, per me, equivale a un punto di non ritorno: è il momento di salutare. E un saluto non deve essere intriso di gelosia, invidia e rabbia ma è un radioso augurio di essere felici ancora, insieme, soli o con un altro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.