La Geologia nella Divina Commedia è l'opera più premiata in Italia del 2018 | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Concorso artistico-letterario internazionale “Ars Millennium”

La Geologia nella Divina Commedia è l’opera più premiata in Italia del 2018

di
18 Dicembre 2018

Ancora un nuovo successo per il libro La Geologia nella Divina Commedia del professore e scrittore Roberto Franco, di Gangi, che va ad aggiungersi ai precedenti riconoscimenti internazionali, rendendo l’opera la più premiata in Italia nel 2018. Domenica 2 dicembre 2018, a Lentini, nella splendida cornice della sala conferenze del Sant’Alphio Palace Hotel, all’interno del 31° Eventus Lentini Praesepium Meeting, il libro, edito dalla Vertigo Edizioni, è stato proclamato miglior saggio storico-scientifico di rilevanza umanistico-letteraria nella 20a edizione del Concorso artistico-letterario internazionale “Ars Millennium”.

La Geologia della Divina Commedia

L’autorevole Commissione, presieduta dal Presidente dell’Opera Internazionale «Praesepium Historiae Ars Populi», prof. Vincenzo Piccione, ha premiato il testo «Per l’apprezzabile, singolare e originale saggio storico-scientifico di pregevole rilevanza umanistico-letteraria, di agevole lettura, scorrevole e intenso nelle sue belle forme di stile letterario. […] L’autore, sotto la luce potente dell’umanesimo cristiano, con destrezza e rigore scientifico e con ammirevole consapevolezza storico-letteraria, propone al lettore un ‘lungo viaggio affascinante’ nel sapere scientifico dell’Età antica, attraverso un sapiente studio comparato tra il pensiero scientifico dell’eclettico Dante, che nella Divina Commedia riversa quasi tutto lo scibile del suo tempo, e il pensiero di quei ‘Personaggi Grandi’, che spiccano di luce propria nel poema dantesco, per la loro scienza e la loro coscienza del mondo e della Storia. Ed è così che il Nostro ci dimostra anche come dalla filosofia dei Grandi e dalla teologia dei Santi di quella così mal definita età oscura del Medioevo, che invece fu secolo di intense luci, antesignano dell’Umanesimo e del Rinascimento successivi, emerge, come dimostra magistralmente il Franco, impensate interpretazioni geologiche, volte a spiegare e ad interrogare i Misteri affascinanti, non sempre del tutto svelati, della Natura, dell’Uomo, della Storia e del Mondo. La Giuria del Premio plaude in modo solenne!».

Il prestigioso riconoscimento artistico-letterario è stato ideato e organizzato dall’Opera Internazionale «Praesepium Historiae Ars Populi», dal Centro Nazionale di Coordinamento e animazione «Storici, Artisti e Presepisti d’Italia» e dall’Associazione Culturale Regionale «Amici del Presepio delle Madonie e di Sicilia», con il patrocinio del Comune di Lentini.

Con “La Geologia nella Divina Commedia”, vi ritroverete a passeggiare nei mondi Danteschi: ammirerete montagne, pianure, fiumi, torrenti, scoprirete essere non frutto di fantasia, ma di realtà e ascolterete, non spaventati l’eco dei terremoti. Sarete trasportati in un tempo senza tempo e in uno spazio che, pur non appartenendo all’oggi, grazie allo scrittore lo diventano. Roberto Franco, con il dono di rendere comprensibile anche ciò che per i profani potrebbe non esserlo, immette in ingressi di paesaggi “altri”, rivelando un Dante scienziato, oltre che letterato. Diventerete protagonisti di questo viaggio magnifico e immaginifico che, osservato a scuola quasi con timore e tremore, vorreste continuare, adesso, all’infinito.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.