La grande siccità. Palermo assetata perchè non piove più :ilSicilia.it
Palermo

Lo confermano i dati dell'Ufficio statistica del Comune

La grande siccità. Palermo assetata perchè non piove più

di
13 Gennaio 2017

Lo diceva anche una celebre scena di “Johnny Stecchino”. Oltre al traffico, «una delle piaghe di Palemmo iè la siccità. Da queste parti la terra d’estate brucia… iè sicca. Una brutta cosa». Così diceva lo zio/avvocato nel film cult di Benigni.

E la nuova conferma arriva dall’ultimo Report dell’ufficio statistica del Comune. A Palermo, infatti, nel 2016 si è registrato un calo del 40,4% di precipitazioni che sono passate da 767,6 mm del 2015 a 457,2 del 2016. Eppure rispetto all’anno precedente, si sono verificati appena due giorni in meno di pioggia: sono stati 107 su 365 del 2016 (erano 109 nel 2015).

Proprio a causa della siccità dovuta a scarse precipitazioni, la città pochi giorni fa stava per ripiombare nell’incubo, poi scongiurato, dell’erogazione a giorni alterni, come non succedeva da 13 anni.

statistiche-comune-pa-meteo-2016Il giorno con le precipitazioni più abbondanti è stato il 7 dicembre, quando sono caduti 32,4 mm di pioggia, quello più freddo invece il 16 gennaio, quando la colonnina di mercurio ha raggiunto i 5,7 gradi. Il record del caldo è stato raggiunto, invece, il 16 giugno quando il termometro ha segnato 43,6 gradi. Stando al report, nel corso del 2016, i mesi più freddi sono stati gennaio, febbraio, marzo e aprile, quelli più caldi sono stati giugno, luglio, agosto e settembre.

Frattanto, per scongiurare l’emergenza idrica, proprio ieri l’Amap ha comunicato che investirà 1,3 milioni di euro per costruire un bypass, come soluzione-tampone al problema della frana di Scillato.

Questa mattina, inoltre, su incarico del sindaco Orlando, la presidente dell’Amap, Maria Prestigiacomo ha incontrato i rappresentanti di categoria di Asa-Confartigianato, Casartigiani, Cia provinciale Cna, Coldiretti, Confapi, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, ConfimmpresePalermo, Confindustria, Cidec e Unvap per discutere delle problematiche relative alla carenza di risorse idriche per l’approvvigionamento della città di Palermo e dei Comuni della fascia costiera.

Nel corso dell’incontro la Prestigiacomo ha spiegato le problematiche relative all’attuale situazione idrica relazionando anche sui provvedimenti in corso per scongiurare il rischio di un razionamento, chiedendo, tra l’altro, alle associazioni “di farsi portavoce a tutti quegli operatori commerciali che risulterebbero maggiormente interessati dalla turnazione e cioè ristoratori, panificatori, bar, alberghi. Il sindaco Leoluca Orlando ha confermato “l’attenzione da parte dell’amministrazione comunale affinché ci sia il massimo impegno per evitare la turnazione garantendo, nel contempo, anche una costante informazione alla cittadinanza e agli operatori commerciali”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.