La Grassa: "Killer di Berlino, meglio se l'avessero preso vivo. Impossibile che abbia fatto tutto da solo" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Parla il superstite palermitano della strage al mercatino

La Grassa: “Killer di Berlino, meglio se l’avessero preso vivo. Impossibile che abbia fatto tutto da solo”

di
23 Dicembre 2016

Giuseppe La Grassa si è salvato per miracolo dall’attentato di Berlino. Ferito al volto, dovrà essere operato. Il manager palermitano è perplesso su quanto accaduto questa notte a Sesto San Giovanni. Non esprime sentimenti di vendetta contro Anis Amri. E fa sapere di essere un po’ dispiaciuto del modo in cui sono andate le cose: “Sarebbe stato meglio se l’avessero preso vivo, forse così avremmo potuto sapere di più delle connivenze e degli appoggi che ha avuto: insomma poteva servire per le indagini”. Non è ovviamente una critica all’operato della polizia.E infatti La Grassa precisa: “Gli agenti hanno fatto il loro lavoro. Hanno reagito. Meglio sia morto un terrorista che un poliziotto“. D’altronde, i verbali dei due agenti Scatà e Movio sono chiari: non c’era altra possibilità se non quella di rispondere ai colpi di fuoco esplosi dal terrorista tunisino. .”Ho sentito la notizia della sparatoria in tv, che Amri sia morto non mi interessa, ma certo se fosse sopravvissuto ci sarebbero state speranze di chiarire i tanti punti poco chiari della strage di Berlino“, ha aggiunto La Grassa. “Non è possibile che un cane sciolto riesca a fare quel che ha fatto lui – ha proseguito – e possa attraversare, da ricercato, mezza Europa e tornare in Italia, a Milano. Sicuramente aveva appoggi e punti di riferimento“. “L’idea che abbiamo il nemico in casa – ha spiegato – e che suoi complici di cui non conosciamo l’identità circolino liberi per l’Italia è terrorizzante“.

La Grassa e la moglie Elisabetta Ragno avrebbero dovuto incontrare questa mattina a Palazzo d’Orleans il presidente Crocetta. Incontro rinviato, secondo una nota della Regione, proprio per le condizioni di salute di La Grassa.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin