La "Grotta du Tauru", una leggenda custodita nell'entroterra siculo :ilSicilia.it
Caltanissetta

La via di l'aranci, un cammino misterico

La “Grotta du Tauru”, una leggenda custodita nell’entroterra siculo

di
2 Luglio 2019

Le leggende nutrono la fantasia e, oggi, vogliamo raccontarvene una, quella della “Grotta du Tauru“, che ha per palcoscenico l’entroterra siculo e, precisamente, la “via di l’aranci” che collega Vallelunga Pratameno a Villalba, suggestivi paesini della provincia di Caltanissetta.

 Toro

Si narra, racconto che ha affascinato i bambini di ogni tempo, che in questo luogo vi fosse una grotta in cui, attraverso formule magiche, senza mai nominare il nome di Dio, della Madonna, e dei Santi, appariva un grande toro che si trasformava, all’alba, in una statua di oro finissimo. In un tempo indefinito, due compari, uno più temerario e l’altro più timoroso, si misero d’accordo e si recarono nell’antro, spinti da eccitazione e paura. Aspettando che calasse la notte e che il buio fitto li inghiottisse, il cielo, infatti, non era punteggiato da nessuna stella e pure la luna aveva preferito nascondersi per non illuminare quell’atto ardimentoso che poteva avere delle incerte conseguenze, iniziarono a ripetere, senza fermarsi mai, quelle frasi rituali e, a mezzanotte, all’improvviso, illuminato da una luce rossa come il sangue, videro apparire dinanzi a loro un grosso toro, molto infuriato.

Questa sorta di invocazione, di cui non capivano neanche il significato, si potrasse tra stanchezza, timore e tremore, fino all’alba. I compari, infatti, sapevano che alle prime luci il toro sarebbe diventato d’oro. Ma, un imprevisto sconvolse i loro piani: poco prima che ad est sorgesse il sole, il più pauroso, sfinito per la notte insonne e convinto di non potercela fare, si lasciò sfuggire: ” San Giuseppe, aiutami!”. Al sentire ciò, u Tauru, scomparve, lasciando i due a bocca asciutta. Di cosa il compagno coraggioso e paziente fece all’altro non è dato sapere, di sicuro, però, questa leggenda continua a incuriosire gli abitanti del vallone.

 Toro

 

Ma la figura del toro cosa ha rappresentato nei secoli? Simbolo di potenza maschile, associato ai culti agricoli, era l’animale associato alla dea indù Shiva; nel mitraismo sacrificavano il toro alla Terra, simboleggiando la penetrazione del maschio-femmina; nell’antica Mesopotamia era considerato, invece, una divinità lunare (Sin, il dio mesopotamico della luna, era stato raffigurato nelle sembianze di un toro); nella mitologia assira era un figlio del sole e il dio egizio Apis della fertilità appariva, proprio, sotto le spoglie di un taurus con un disco solare tra le corna; il dio greco Zeus si trasformò in toro, sequestrando Europa, la figlia dal Re fenicio Agenor. In alcune tradizioni, infine, era simbolo del dio del tuono: i romani sacrificarono un toro a Giove, mentre gli Slavi a Perun, la principale divinità del loro pantheon.

Buona leggenda a tutti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.