La guerra delle Province, Orlando batte un colpo, la Regione risponde :ilSicilia.it

Scontro Orlando-Regione

Province, Orlando batte un colpo, la Regione risponde

di
22 Agosto 2017

Una cosa è certa. I liberi consorzi e le città metropolitane, cioè quel che resta delle vecchie Province in Sicilia avranno comunque i loro rappresentanti. Si torna al voto dopo 10 anni.

Anzi, dopo che per anni non si è votato, ora si rischia di votare due volte in quattro mesi.

Nei giorni scorsi le città metropolitane, due delle quali, Palermo e Catania, sono guidate da alfieri indiscussi della politica siciliana, Orlando e Bianco, avevano fissato l’elezione indiretta dei rappresentanti degli enti.

Nella prossima primavera arriverà, (dovrebbe arrivare) il voto diretto sancito dall’ultima “riforma della riforma” delle Province.

Enzo Bianco

Secondo alcuni però Orlando  e  Bianco porebbero beneficiare del mancato gradimento di Renzi alla recente legge, ampiamente sotto scacco e a rischio impugnativa da parte di Roma.

La situazione, tanto per cambiare, è complessa e non sfugge a nessuno il contrasto in campo.

Ieri l’assessore alle Autonomie locali della Regione siciliana, Luisa Lantieri, dopo la provocazione lanciata nei giorni scorsi dal sindaco metropolitano di Palermo, Leoluca Orlando che è passato al contrattacco fissando per il 17 dicembre le elezioni del Consiglio metropolitano con il vecchio metodo, ossia quello dell’elezione indiretta, ha affidato il suo pensiero a una lunga nota:”Ho firmato la legge e al più presto, probabilmente già venerdì, sarà pubblicata. Al sindaco Orlando vorrei dire che è una legge voluta non dal Governo ma dai parlamentari, quegli stessi che al Comune governano con lui”.

Una scelta provocatoria e che entra in palese conflitto con il via libera di Sala d’Ercole, prima dello stop estivo, alla norma che di fatto resuscita le ex province reintroducendo il voto diretto dei presidenti e dei consiglieri.

Il rebus adesso diventa giuridico come conferma in qualche modo la stessa Lantieri:”Stiamo valutando la questione con l’ufficio legale”, aggiungendo: “A Orlando dico ‘Dura lex, sed lex’. Quella legge è stata voluta dall’Aula, io l’ho votata perché ho ritenuto opportuno farlo dal momento che la legge Delrio andava bene se fossero state approvate le variazioni previste nel referendum ma da momento che non è stato approvato era necessario intervenire. Orlando oggi fa una provocazione – conclude l’assessore -, ma quando l’Ars ha dato il via libera alla legge sul voto di trascinamento da cui ha tratto beneficio e che gli ha permesso di vincere a Palermo non ha detto nulla”.

Orlando e Bianco in passato erano stati obiettivi più o meno  espliciti di vari tentativi di boicottaggio da parte del parlamento siciliano che puntava all’elezione diretta del sindaco della città metropolitana. Il presidente dell’Ars Ardizzone, in diverse occasioni,  ha espresso la propria contrarietà a questo tipo di impostazioni che adesso sfocia nella nuova legge.

Adesso, mentre gli enti affondano, si attendono chiarimenti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.