La Lega a un bivio in Sicilia, corsa a due per succedere a Candiani :ilSicilia.it

DECISIONE DI SALVINI ATTESA ENTRO NATALE

La Lega a un bivio in Sicilia, corsa a due per succedere a Candiani

di
19 Dicembre 2020

C’è grande attesa per la nomina del nuovo segretario regionale della Lega in Sicilia.

Matteo Salvini, come da lui stesso dichiarato durante la conferenza stampa sul caso Gregoretti a Catania, scioglierà le riserve entro Natale. In particolare, la nomina per il successore di Stefano Candiani è attesa fra lunedì e mercoledì.

LA NECESSITÀ DI UN CAMBIO DI PASSO

Una mandato da meteora quello del dirigente varesino, iniziato con il successo delle elezioni europee, in cui la Lega ha toccato il 21% di consensi nell’Isola ed ha espresso due eurodeputate regionali, Francesca Donato ed Annalisa Tardino.

Poi però il partito ha iniziato un calo drastico, non tanto per la perdita di consensi a livello nazionale, dove anzi continua a rimanere la lista capofila del centrodestra, quanto per l’incapacità di costruire un dialogo stabile con il governatore Nello Musumeci e per il fallimento nell’edificazione di una dirigenza prettamente siciliana radicata sul territorio.

Lo dimostrano i movimenti in uscita all’Ars dove, prima Bulla e poi la Caronia, hanno abbandonato la nave di Matteo Salvini. Un calo di presenze che aveva persino messo in pericolo l’assessorato di Alberto Samonà, già un ripiego visto che Candiani aspirava allo scranno che ancora oggi è di Edy Bandiera, ovvero quello all’Agricoltura.

L’ingresso di Vincenzo Figuccia, deputato di lungo corso ex UdC, ha consentito di mantenere in vita il gruppo all’Ars. Un entrata che però ha provocato più di un malumore, soprattutto nel direttivo palermitano, dove Alessandro Anello è stato retrocesso da Commissario provinciale a quello cittadino.

Motivi, quelli di cui parlavamo sopra, che spiegano soprattutto la Caporetto dell’ultimo turno di amministrative isolane.  Agrigento rappresenta il caso più lampante. Qui il commissario provinciale del partito Massimiliano Rosselli ha ottenuto soltanto 6 preferenze, con un misero 2,5% complessivo di lista. Una prestazione complessiva che vale meno del 3% di media, con due soli consiglieri eletti in tutta l’Isola.

Un fallimento che ha provocato mal di pancia soprattutto da parte di Francesca Donato che ha chiesto, senza mezzi termini, un cambio di passo con l’attuale gestione, per rilanciare nuovamente il partito nell’Isola.

LA CORSA ALLA SEGRETERIA REGIONALE

Da qui l’esigenza di un cambio di passo, palesata anche durante una cena avvenuta nelle ore successive all’udienza preliminare svoltasi a Catania nell’ambito del caso Gregoretti.

Qui Salvini ha ascoltato tutti i vertici del Carroccio siciliano presenti all’incontro. Assenti stranamente Alberto Samonà ed Igor Gelarda.

Una corsa prima a sei, poi diventata tre. Fra le candidature presentate vi era anche quella dell’altra eurodeputata Annalisa Tardino, sostenuta fortemente dal deputato nazionale Alessandro Pagano e dallo stesso Alberto Samonà.

Un rush finale ridotto infine a due alternative. Da un lato sembrerebbe esserci il parlamentare nazionale Nino Minardo, dall’altra l’attuale vicesindaco di Catania Fabio Cantarella.

Il parlamentare ragusano, secondo voci di corridoio, sarebbe sostenuto da un grossa fetta di rappresentanti isolani. Fra questi si collocherebbero l’eurodeputata Francesca Donato, i deputati regionali Orazio Ragusa ed Antonio Catalfamo; i due consiglieri palermitani Igor Gelarda ed Alessandro Anello, nonché il consigliere comunale di Messina Nino Bramanti. Una candidatura, quella di Minardo, che rispechierebbe le simpatie anche di Giancarlo Giorgetti, con cui il deputato ibleo ha un ottimo rapporto.

Al contrario Fabio Cantarella rappresenterebbe una sorta di continuità con la gestione Candiani. Il catanese è l’unico siciliano ad essere stato inserito nel direttivo nazionale proprio per volontà del segretario uscente.

Una candidatura sostenuta, secondo indiscrezioni, dal sindaco di Furci Siculo Matteo Francilia e da Vincenzo Figuccia, nominato recentemente commissario provinciale della Lega. Spiazzati invece Alessandro Pagano ed Alberto Samonà, che rimangono fra gli indecisi dopo la candidatura di Annalisa Tardino sembrerebbe essere tramontata.

Una battaglia che si preannuncia all’ultimo scambio di colpi. Una nomina che potrebbe incidere non solo sulle prossime liste in vista delle elezioni regionali del 2022, ma anche e soprattutto sui rapporti di forza in ambito nazionale.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin