La Lega ai delusi di #DiventeràBellissima: "Venite con noi" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Bibo

Igor Gelarda dopo la svolta centrista di Musumeci: "Noi non molliamo. Le porte sono aperte"

La Lega ai delusi di #DiventeràBellissima: “Venite con noi”

di
26 Febbraio 2019

“Avvicinarsi agli eredi di Miccichè e Cuffaro ritenendo che possano rappresentare il futuro della Sicilia è una resa incondizionata. Un uomo con certi valori, retto sui suoi valori, non può accettarlo”.

L’appello arriva da Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali della Lega, dopo le parole pronunciate a Catania dal presidente della Regione, Nello Musumeci al congresso regionale del suo movimento “Diventerà bellissima”.

“Mi rivolgo – dice Gelarda – ai tanti amici di Diventerà Bellissima senza indicazioni per le prossime elezioni europee: le porte della Lega sono aperte a tutti coloro che credono nei valori dell’onesta, nelle regole, nel rispetto dei territori e delle tradizioni. Non si può restare fuori dall’Europa. Se c’è da lavorare, lavoreremo. Se c’è da combattere, combatteremo. Non è una questione di stare al centro o a destra – aggiunge l’esponente del Carroccio -. La questione semmai è avere voglia di restare in campo a combattere. Fino alla fine. Non cedere di un passo di fronte a drammi della nostra terra”.

“Adesso più che mai – sottolinea ancora Gelarda – mentre sembra che tutto venga tradito, bisogna dire con forza che la Lega c’è. È presente per quanti non temono il lavoro e le fatiche da affrontare per salvare la Sicilia, per quanti non credono alle fughe al centro come soluzione di ogni inadeguatezza, per quanti sono disponibili a rimanere a lottare senza paura, a viso aperto. Tantissimi elettori di destra siciliani – conclude Gelarda – oggi più che mai si ritrovano senza una casa, oggi in qualche modo sono più traditi di ieri. A loro vogliamo dire – conclude  – che la Lega c’è. E non molla”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin