22 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.16

La risposta di Candiani, Gelarda e Cantarella

La Lega all’attacco di Miccichè dopo le frasi sul populismo: “Sceneggiate strumentali”

17 Dicembre 2018

Davanti alla Lega, che oggi è l’unico partito politico che unisce gli interessi degli italiani da Nord a Sud, le raccapriccianti considerazioni del presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, sono l’ennesima prova che in Sicilia persiste una vecchia politica distorta dove contano solo le poltrone e conservare se stessi”.

A rispondere alle parole dette in merito al populismo e alla Lega dal presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, è il commissario della Lega Salvini Premier in Sicilia, il senatore Stefano Candiani, insieme con i responsabili regionali enti locali Igor Gelarda per l’area occidentale, e Fabio Cantarella per l’area orientale.

La Sicilia ha bisogno di voltare pagina. – affermano i leghisti – I siciliani sono stanchi delle sceneggiate e delle polemiche strumentali di Miccichè. Da questa situazione emerge una certezza: la Lega oggi è l’unica vera alternativa a questa politica marcia e opportunista. Questi personaggi attaccano la Lega perché rappresenta la voglia di cambiamento, e la gente si rende sempre più conto dell’importanza di schierarsi dalla parte opposta a questa vecchia politica fatta di interessi, opportunismo e clientele. Il vero centrodestra non ha nulla a che spartire con personaggi in stile Boldrini e Leoluca Orlando che hanno danneggiato il Paese e la Sicilia con politiche anti italiane. Miccichè e i soliti opportunisti sono pronti come sempre ad inventarsi listoni e alleanze surreali, pur di rimanere a galla e non assumersi le responsabilità della deriva siciliana”.

“Facciano, facciano pure – concludono i tre esponenti della Lega – si riuniscano pure in un unico partito: destra, sinistra, Leoluca Orlando, Miccichè, Crocetta, Lombardo, Alfano, così con un solo voto potremo mandare per sempre in archivio questa squallida espressione della politica siciliana“.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.