“La Lega apre le porte”, a Palermo la manifestazione per presentare il progetto del Carroccio :ilSicilia.it
Palermo

l'appuntamento il 17 marzo

“La Lega apre le porte”, a Palermo la manifestazione per presentare il progetto del Carroccio

15 Marzo 2019

“La Lega apre le porte” è il titolo della grande manifestazione che la Lega Salvini Premier terrà domenica 17 marzo, a partire dalle 10,30 al Teatro Al Massimo in piazza Verdi, a Palermo.

Saranno presenti, fra gli altri, Igor Gelarda, capogruppo della Lega al consiglio comunale di Palermo e responsabile enti locali Sicilia, ed Elio Ficarra, responsabile enti locali per Palermo e provincia. Interverrà il senatore Luca Briziarelli, vice presidente della commissione bicamerale sugli ecoreati.

Quello della Lega è un progetto politico nuovo per Palermo e per la Sicilia, che guarda ai territori per promuovere un’alternativa di riscatto per la nostra terra. L’iniziativa è aperta a tutti coloro che vogliono impegnarsi per cambiare Palermo, nella considerazione che il cambiamento è possibile solamente grazie al contributo di tutti.

Sarà presentato il Circolo Lega Città di Palermo, per partecipare attivamente alla vita politica cittadina con la Lega e sarà possibile procedere alla prenotazione per la tessera di iscrizione alla Lega 2019.

Saranno, inoltre, presentati i dipartimenti tematici che collaboreranno alla realizzazione del grande progetto politico della Lega e proporranno le soluzioni ai problemi che soffocano la Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.