La Lega e il suo processo di 'sicilianizzazione' con il cervello in Lombardia :ilSicilia.it

il partito di Salvini e il suo commissario sull'isola

La Lega e il suo processo di ‘sicilianizzazione’ con il cervello in Lombardia

di
2 Luglio 2020

I partiti scaldano i motori in vista delle elezioni regionali in Italia del 20 e 21 settembre. Dagli ultimi sondaggi danno avanti il centrodestra che potrebbe tentare il colpaccio, anche se per ora si ragiona sulla carta. La Lega resta primo partito, anche se i sondaggisti dicono che sono lontane le cifre over 30% delle scorse Europee. Dall’ultima media elaborata da” termometro Politico” nella settimana dal 21 al 27 giugno, il partito di Matteo Salvini si attestava intorno al 26%.

La pagina del leader del Carroccio su Facebook viaggia oltre i 750 mila like. Il suo profilo personale ha cifre esorbitanti di  “seguaci”, mostrandosi, Matteo Salvini, animale da comunicazione 2.0.

Anzitutto in questo differisce dai Bossi, dai Maroni e persino dai Calderoli che l’hanno preceduto. Il suo linguaggio arriva al popolo usando parole semplici e conosciute come la pasta al forno qui in Sicilia. E proprio in Sicilia che da poco la Lega ha anche un assessore ai Beni Culturali. Il giornalista Alberto Samonà contestato per i suoi trascorsi di militanza e per avere ammesso di essere stato iscritto alla Massoneria.

Un partito ad oggi commissariato senza aver avuto mai un segretario regionale. Il regista della Sicilia è il senatore Stefano Candiani il quale muove le pedine nell’Isola. Ad oggi il Carroccio vanta 3 deputati regionali che sono saliti sul carro padano cambiando casacca ma pur sempre del centro destra. Stessa cosa al consiglio comunale in cui uno dei più rappresentativi leghisti a Palazzo delle Aquile, Igor Gelarda, proviene dal movimento 5 stelle.

La fase di “sicilianizzazione” del partito di Salvini e in atto seppur il regista dell’operazione Stefano Candiani sia del Nord. Ora il politico lombardo, pur continuando a sovrintendere le operazioni, sta lasciando un po’ più di campo alla nuova classe dirigente siciliana. Step avvenuto a seguito del transito di Nino Minardo da Forza Italia alla Lega.

Il Carroccio ha piantato bandierine a Bruxelles attraverso i due avvocati siciliani Francesca Donato e Annalisa Tardino. Eletto anche il primo sindaco leghista di Sicilia, Anastasio Carrà a Motta Sant’Anastasia. E come dimenticare l’assessore comunale di Catania Fabio Cantarella. Insomma un partito che cerca di tessere la propria rete in Sicilia avendo come punto di riferimento Stefano Candiani. Ma il senatore riuscirà a gestire tutte le istanze dei 390 comuni siciliani? Questa è una delle tante domande che si pongono i cittadini che vorrebbero avvicinarsi al partito. Chi è il vero leader in Sicilia del partito? Risponderà al telefono Candiani ai leghisti siciliani? Esiste un suo ambasciatore in Sicilia?

La strategia del partito è quella di identificare la Lega con il nome e cognome di Matteo Salvini. Una sorta di stalinismo contemporaneo che vede calate dall’alto indirizzi politici e nomine nei territori dello Stivale. Ma come detto, il processo di una identità siciliana è già avviato. Come in Sardegna il commissario Candiani, in vista delle scorse amministrative sull’Isola ha aperto le braccia ai movimenti politici in Sicilia. “Siamo pronti al confronto con altri soggetti per arrivare a un rapporto federativo sul modello di quello sancito col Partito sardo d’azione – sono le parole di Candiani – vogliamo concludere dei ragionamenti già iniziati, ma anche aprirne di nuovi. Noi vogliamo mettere attorno allo stesso tavolo tutti i movimenti, sposando un modello vincente: quello della Lega”. Già, ma chi le farà le liste elettorali?

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.