La Lega entra in consiglio comunale a Casteldaccia: Maurizio Nasca aderisce al partito di Salvini :ilSicilia.it
Palermo

Ex candidato sindaco

La Lega entra in consiglio comunale a Casteldaccia: Maurizio Nasca aderisce al partito di Salvini

di
31 Gennaio 2019

L’ex candidato sindaco di Casteldaccia, Maurizio Nasca, attuale capogruppo d’opposizione in consiglio comunale, aderisce alla Lega. Dottore commercialista e revisore dei conti, 41 anni, il neo consigliere nelle fila del partito guidato dal vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, a Casteldaccia rivestirà anche il ruolo di responsabile cittadino del Carroccio.

Lo scorso giugno, Nasca si era ben difeso nella corsa a sindaco del comune sulla costa orientale della provincia di Palermo, arrivando secondo dietro all’attuale primo cittadino grazie a 1.404 preferenze ottenute con la lista civica Rinasca Casteldaccia, su cinque liste concorrenti.

Ad affiancare il nuovo capogruppo della Lega in aula consiliare ci saranno Roberto Valoroso, imprenditore di 51 anni, ed Angela Maria La Spisa, 41 anni, eletti anche loro nella lista Rinasca Casteldaccia.

Dopo un’attenta riflessione sugli scenari politici nazionali e locali – esordisce Nasca – ho deciso di intraprendere questo percorso con la Lega per le iniziative portate avanti dal partito sia oltre lo Stretto, che nell’Isola. Ho ritrovato quell’entusiasmo e quel senso di unità e appartenenza nazionale che altri partiti hanno dimenticato. Qui invece contano la comunità, l’identità, il territorio e la meritocrazia. Continuerò a portare avanti, come ho sempre fatto anche in consiglio comunale – aggiunge il neo esponente del Carroccio – la mia battaglia in favore di Casteldaccia, con al primo posto i valori di legalità che hanno sempre contraddistinto la mia attività politica. Adesso, il mio impegno prosegue sapendo di non essere solo, consapevole di rappresentare una parte della mia comunità, fatta da persone che fanno politica per passione e non per sterile tornaconto. Persone che da anni, nel loro piccolo, nel loro quotidiano, si impegnano per rendere migliore la nostra terra”.

Per quanto mi riguarda – precisa ancora Nasca – continuerò a svolgere, in consiglio comunale, un’opposizione ferma e risoluta perché Casteldaccia ha bisogno di amministratori che vigilino sul governo della cosa pubblica, sulla legittimità degli atti e sul rispetto dei diritti di tutti i cittadini. Con la stessa fermezza dimostrata fino ad ora – conclude il neo consigliere della Lega – prenderò sempre le distanze da chi amministra ed ha amministrato Casteldaccia per oltre quindici anni riducendola un cumulo di macerie“.

Per Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali del partito, affiancato da Elio Ficarra, coordinatore enti locali in provincia di Palermo, “l’adesione di Maurizio Nasca nella Lega rappresenta un cambio di passo importante per Casteldaccia in termini di impegno sul territorio, efficienza e trasparenza amministrativa. Tutto a beneficio dei cittadini, soprattutto verso chi negli ultimi tempi si è allontanato dalla partecipazione attiva alla vita politica di un territorio da rilanciare. A Casteldaccia come in ogni angolo dell’Isola – conclude Gelarda – non ci sarà più spazio per gli amministratori che hanno tradito la fiducia dei cittadini“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin