La Lega scalda i motori in vista delle Europee e si prepara alla corsa in solitaria | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Il carroccio sarebbe attestato al 22 per cento in Sicilia

La Lega scalda i motori in vista delle Europee e si prepara alla corsa in solitaria

16 Ottobre 2018

La Lega scalda i motori in vista delle prossime elezioni europee di primavera. La strategia è quella spiegata dal senatore Candiani in più di un’occasione: nessun accordo con movimenti locali, il Carroccio va per la sua strada. Tramontata, dunque, l’ipotesi di un’alleanza strategica con #DiventeràBellissima (il movimento di Nello Musumeci si starebbe, infatti, avvicinando al progetto di costituzione di un nuovo partito sovranista lanciato dalla leader di FdI Giorgia Meloni, ma al suo interno non mancano i distinguo), i leghisti siciliani si preparano a quella che sarà la prima sfida del nuovo corso.

Una sfida in solitaria per questo nuovo corso, voluto da Matteo Salvini in persona e attuato grazie al luogotenente della Lega per la Sicilia Stefano Candiani, che non fa mistero di puntare sull’Isola per radicare ancor di più il movimento sul territorio, a partire dai cittadini e dalle comunità locali. E per farlo, in vista delle Europee il Carroccio si prepara a schierare quali candidati i suoi dirigenti più attivi: i nomi che si fanno in queste ore sono soprattutto quelli del palermitano Igor Gelarda, poliziotto e consigliere comunale, e di Fabio Cantarella, avvocato e assessore a Catania nella giunta di Salvo Pogliese. Il capolista per il collegio elettorale Sicilia-Sardegna sarà Matteo Salvini, ma i leghisti contano di far arrivare a Strasburgo almeno un paio di deputati siciliani, forti anche di un sondaggio che darebbe la Lega al 22 per cento in Sicilia.

E che i salviniani siano in crescita lo si vede dall’attività incessante che da qualche tempo si nota in Sicilia. Il responsabile degli enti locali Igor Gelarda, in poco più di due mesi, è riuscito a far avvicinare alla Lega decine di amministratori locali, fra consiglieri comunali e sindaci di vari comuni della Sicilia occidentale, con circoli che aprono a ritmo quasi quotidiano (nella sola città di Palermo se ne contano una decina) e con molteplici attività sul territorio – a Palermo, ma anche in provincia e nel Trapanese, nell’Agrigentino e nel Nisseno – testimoniate dai gazebo che i leghisti allestiscono con ritmo incalzante in molti centri della Sicilia occidentale e del capoluogo siciliano.

Fabio Cantarella
Fabio Cantarella

In Sicilia orientale, Fabio Cantarella, attivista storico e anch’egli responsabile per gli enti locali, rappresenta il Carroccio nel capoluogo etneo, dove la Lega sostiene l’azione amministrativa del primo cittadino Pogliese, mentre il mese scorso l’avvocato, già assessore a Mascalucia, ha consacrato il passaggio fra le schiere dei salviniani del medico messinese Dino Bramanti, candidato sindaco alle scorse amministrative, e di una pattuglia di consiglieri della città metropolitana di Messina.

Insomma, le europee per la Lega saranno il primo banco di prova e, non a caso, Salvini ha già in programma un tour nell’Isola per scaldare i cuore dei suoi militanti e dare il via alla corsa verso Strasburgo.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.