La Lega: "Successo senza precedenti a Palermo, segnale a Orlando e Miccichè" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

nel capoluogo siciliano oltre 37 mila voti alle europee

La Lega: “Successo senza precedenti a Palermo, segnale a Orlando e Miccichè”

6 Giugno 2019

La Lega fa il punto del dopo-voto a Palermo e in una nota sottolinea come nel capoluogo siciliano il Carroccio abbia riportato un “successo senza precedenti“: “Oltre 37.000 preferenze per i candidati e quasi 40.000 voti di lista, che fanno della Lega il primo partito del centrodestra. Con il miglior rapporto preferenze/voti di lista delle grandi città siciliane. Dimostrazione di un crescente radicamento della Lega nel territorio. Un chiaro segnale al Sindaco Orlando, ed al presidente Micciché, che i Siciliani sono stanchi delle polemiche sterili e vogliono risposte concrete”.

Secondo i Leghisti, il dato sarebbe “una chiara richiesta di aiuto della città, che cerca soluzioni per il lavoro, per le periferie, per il futuro. Di questo progetto si farà carico la Lega, che come primo partito del centrodestra a Palermo giocherà un ruolo determinante per la nuova gestione della città. Forza Italia senza l’alleanza con i centristi di Saverio Romano sarebbe anche a Palermo sotto il 10%, a dimostrazione che l’ironia di cui il presidente Micciché va orgoglioso la capiscono sempre in meno”.

“Ci metteremo da subito al lavoro per costruire una credibile alternativa al sistema Orlando – dichiara Giovanni Callea, responsabile del circolo di Palermo – Abbiamo ottenuto questo importante successo grazie all’impegno sui territori oltre che dei candidati dei nostri militanti e dei rappresentanti nelle istituzioni i consiglieri comunali Igor GelardaCaprogruppo in consiglio comunale, ed Elio Ficarra, e la squadra nelle circoscrizioni composta dal vice coordinatore Andrea Aiello, vice-presidente della V circoscrizione, e dai consiglieri, Cece Savoca, Franco Scarlata, Franco Cardella, Maria Pitarresi, Lorenzo Romano, Giuseppe Quartararo, Francesco Stabile”.

“La Sicilia adesso ha finalmente due rappresentanti che staranno a Bruxelles e seguiranno le sorti della nostra terra. Auguriamo pertanto un affettuoso in bocca al lupo a Francesca Donato ed Annalisa Tardino neoelette”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.