La leggenda del gatto nero della Befana :ilSicilia.it

il dono più particolare

La leggenda del gatto nero della Befana

di
6 Gennaio 2022

Sulla Befana si conosce davvero poco. E’ una figura folcloristica delle festività natalizie, diffusasi in alcune regioni del nostro Paese, poco conosciuta nel resto del mondo.

Secondo la tradizione, si tratta di una donna molto anziana che vola su una scopa di paglia, per fare visita ai bambini, nella notte tra il 5 e il 6 gennaio (la notte dell’Epifania). Nella notte porta doni e riempie le calze lasciate dai bambini con dolciumi, caramelle, frutta secca o piccoli giocattoli se, durante l’anno, si sono comportati bene. Al contrario, ai bambini cattivi verrà portato carbone o dell’aglio.

Ma forse non tutti sanno, però, che la Befana aveva un gatto, o almeno così si narra nella leggenda di cui non conosciamo l’autore.

La Leggenda

“Un tempo i gatti erano solo tigrati, fatta eccezione per uno di un colore scuro-scuro: il gatto della Befana. Il gatto la accompagnava nei lunghi viaggi a cavallo della scopa e vedeva luoghi meravigliosi ma, ahimé, sempre e solo dall’alto della scopa. Per questo, ogni tanto, si chiedeva come fosse la vita degli umani.

Quando il periodo dell’Epifania si concludeva, il gatto andava in letargo e dormiva con la strega tutto l’anno in attesa del 6 gennaio successivo.

Una notte il gatto, nel suo viaggio attorno al mondo assieme alla vecchina, preso dalla curiosità, si sporse per tentare di vedere più da vicino il mondo ed urtò il sacco dei doni. Il sacco era aperto e così un regalo volò via.

Dopo un po’ la strega se ne accorse ed esclamò: “Manca un regalo!!! Mai successo un errore così in millenni di viaggi!!!”.

Il gatto taceva, ma la vecchina era magica e sapeva tutto. Si rivolse al gatto e disse: “Vecchio micione sei stato tu, lo so. Non mi arrabbio, ma questo bambino deve pur ricevere qualcosa. La tua vita è stata noiosa e solitaria con me; andrai tu e vedrai che sarai felice!”.

Il gatto fu catapultato in un camino e arrivò in un grandissimo salone. Iniziò a starnutire a causa della cenere: “Etciù,etciù”!

Tutta la famiglia riunita nel salone guardava il gatto con stupore, ma il bambino di casa urlava di gioia. “Che bello! Un amico tutto per me!”, urlava il bimbo. I genitori non ebbero coraggio di separarli, e così il gatto ed il bambino passarono assieme molti anni felici.

Da quel giorno i gatti non furono più solo tigrati a ricordo di quel dono così particolare. I gatti neri sono un dono della magica notte dove i sogni si avverano e per questo in realtà, a dispetto delle stupide credenze, portano fortuna!”.

Quindi, se in questo giorno trovate un gatto nero, portatelo a casa e tenetevelo stretto. È il regalo più bello che la Befana possa farvi!

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.