La lenta moria dell’Aeroporto Trapani Birgi e l’immobilismo della Regione :ilSicilia.it
Trapani

Pochi i collegamenti rimasti

La lenta moria dell’aeroporto Trapani Birgi e l’immobilismo della Regione

di
21 Febbraio 2018

E’ una lenta moria quella che si sta consumando all’aeroporto Trapani-Birgi “Vincenzo Florio“. Da qualche settimana a questa parte Ryanair, il principale vettore che opera sullo scalo siciliano sta dismettendo quasi tutti i collegamenti da e per Trapani, dirottando aerei ed equipaggi verso altre località, Lamezia Terme su tutte, dove la politica ha dimostrato più attenzione e capacità. Una catastrofe per un comprensorio che proprio grazie all’aeroporto ha visto crescere sensibilmente il settore del turismo e del commercio.

Imprenditori, artigiani, commercianti, amministratori locali hanno più volte lanciato l’allarme, ma la politica regionale continua a rimanere inspiegabilmente immobile. La Regione, infatti, è il principale azionista dell’Airgest, la società che si occupa della gestione dello scalo. A lei spetta il compito di garantire una governance capace di valorizzare sempre di più questa straordinaria risorsa per lo sviluppo del territorio. Un compito che i governi precedenti e quelli attuali non hanno saputo adempiere nel migliore dei modi.

birgi ryanairLa mancanza di una programmazione efficace è stata la cifra distintiva di tutte le gestioni Airgest. Negli anni la Regione è dovuta ricorrere a ben due aumenti di capitale per ripianare i buchi di bilancio, mentre nelle scorse settimane il Tar ha accolto il ricorso presentato da Alitalia contro la procedura di affidamento del comarketing alla compagnia aerea irlandese, l’unica a presentarsi alla gara. Un programma del valore di 14 milioni di euro che avrebbe garantito l’operatività dell’aeroporto per i prossimi 2 anni. Secondo i giudici amministrativi sarebbero state riscontrate violazioni alle norme e ai regolamenti sulla libera concorrenza.

Tutto da rifare quindi, ma da chi? Per effetto dello spoil system, avviato dal presidente della Regione, la cabina di pilotaggio dell’Airgest è senza piloti da circa 20 giorni. Musumeci aveva chiesto ai vertici delle partecipate di lasciare i propri incarichi entro i primi di febbraio, per poter procedere con la sostituzione dei dirigenti. Così il 5 febbraio scorso il presidente della società di gestione, Franco Giudice, si è dimesso e con lui anche gli altri componenti del cda. Vista la delicatezza della situazione ci si sarebbe aspettati l’immediata nomina dei nuovi vertici.

Ed invece è iniziato un balletto di nomine, incompatibilità e rinvii a dopo le elezioni politiche del prossimo 4 marzo che rischia di far precipitare la già precaria situazione in cui si trova l’aeroporto di Trapani-Birgi nel baratro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.