"La Macchina dei sogni", al via un laboratorio con Mimmo Cuticchio e Beatrice Monroy :ilSicilia.it
Palermo

Sono previste borse di studio

“La Macchina dei sogni”, al via un laboratorio con Mimmo Cuticchio e Beatrice Monroy

di
13 Febbraio 2018

Per la 35esima edizione de “La Macchina dei Sogni“, festival di teatro di figura e di narrazione, l’Associazione Figli d’Arte Cuticchio promuove un laboratorio sulle pratiche del narrare guidato da Mimmo Cuticchio con la collaborazione alla drammaturgia della scrittrice Beatrice Monroy.

Il laboratorio è rivolto a giovani attori, narratori e inventori di storie anche con l’utilizzo di figure (marionette, burattini, ombre) strumenti musicali, giocolerie, che vogliano iniziare un’avventura che parte da Palermo, passa da Roma e prosegue per Roncisvalle, luogo di frontiera tra Francia e Spagna e simbolicamente centrale nelle storie del teatro dei pupi.

L’esperienza, infatti, si concluderà con una messa in scena: a Palermo nei giorni di  8, 9 e 10 giugno, dal 25 al 29 luglio a Roncisvalle, e a Roma (date da definirsi).

I racconti che nasceranno durante le fasi di lavoro trarranno ispirazione dal sottotitolo del festival: “straziante meravigliosa bellezza del creato“, citazione del film “Che cosa sono le nuvole” di Pier Paolo Pasolini, e dagli spazi stessi in cui avverrà la Macchina dei Sogni, il Monastero di Santa Caterina d’Alessandria.

Il laboratorio si articolerà in tre momenti più una tappa preliminare che dal 9 al 14 aprile, a Palermo, vedrà la selezione dei partecipanti. Oltre alle rappresentazioni nelle città sopracitate il terzo momento prevede il raduno all’aeroporto di Bordeaux dove un pullman porterà il gruppo a San Jean Pied de Port e da lì, a piedi, si proseguirà per Roncisvalle dove trovarono la morte Orlando e i paladini di Francia. Per partecipare al progetto non occorre tassa di iscrizione e/o di frequenza.

Coloro che verranno selezionati potranno usufruire di una borsa di studio come sostegno ai costi di viaggio, vitto ed alloggio di mille euro per chi vive fuori dalla Sicilia, di cinquecento euro per i residenti.

L’Associazione Figli d’Arte Cuticchio si farà carico inoltre del viaggio da Bordeaux a San Jean Pied de Port e da Roncisvalle a Bordeaux.

Per partecipare bisogna inviare una richiesta, entro e non oltre il 20 marzo, accompagnata da curriculum, foto, motivazione, un piccolo scritto già utilizzato in un lavoro di narrazione, all’indirizzo pupi@figlidartecuticchio.com; per ulteriori informazioni si può chiamare al numero 091.323400.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.