"La Macchina dei Sogni": il viaggio dei paladini comincia dalla chiesa di Santa Caterina | FOTOGALLERY :ilSicilia.it
Palermo

Da venerdì 8 giugno

“La Macchina dei Sogni”: il viaggio dei paladini comincia dalla chiesa di Santa Caterina | FOTOGALLERY

di
7 Giugno 2018

PALERMO – Tre giorni, 8, 9 e 10 giugno, dedicati alla straziante, meravigliosa bellezza del creato: parte da qui “La Macchina dei Sogni” di Mimmo Cuticchio che, per la sua 35^ edizione, ha scelto un luogo che è già un palcoscenico naturale, quel convento e quella chiesa di Santa Caterina, da soli, sono già un luogo con anime da narrare.

Il festival di teatro di figura quest’anno indagherà le differenze e il dialogo tra Oriente e Occidente, lanciando un messaggio internazionale di pace che da Palermo raggiungerà Roncisvalle. Tre giorni in cui pupi, marionette, burattini, ma anche musica e cunto, troveranno inedita accoglienza tra le celle, il chiostro, la chiesa e il refettorio dell’antico monastero di clausura.

la-creazione

Tra la chiesa e la piazza venerdì 8, alle 21, Giacomo Cuticchio dirigerà la sua “La Creazione”, suite sinfonica sul Libro della Genesi.

E domenica 10, alle 21, Mimmo Cuticchio riannoderà le fila di uno dei suoi spettacoli storici, quel San Francesco rieditato in “Giullari di Dio” che scivolerà sulle musiche dei Fratelli Mancuso.

Il 27 giugno Mimmo e i suoi attori saranno in udienza da Papa Francesco che affiderà loro un messaggio di pace da portare a Roncisvalle, dal 26 al 29 luglio, nella piana sui Pirenei, tra Francia e Spagna, mitico teatro dell’ultima battaglia tra saraceni e cristiani.

All’interno del festival troveranno spazio, nel Convento, la mostra “La pienezza nel vuoto“, serie fotografica realizzata nel 2014 da Valerio Bellone, che in 36 scatti narra la traversata da Marrakech alle dune sahariane dell’Erg Chebbi, ai confini con l’Algeria.

Un viaggio emozionale e introspettivo che unisce la visione di spazi senza confini a pensieri intimi che prendono vita nei pensieri trasposti nella forma di Haiku (orari 10  – 13 / 15 – 19).

santa-caterina

Per la scalinata della chiesa di Santa Caterina che si affaccia su piazza Bellini, sarà creata invece “Semina” opera site specific ideata da Roberta Barraja e ispirata ai motivi decorativi e alla policromia degli intarsi marmorei barocca degli interni della Chiesa.

Realizzata con tessuti e fibre trattati e bruniti con effetti di combustione, intrecciati a comporre un effetto di natura prorompente, invaderà lo spazio, la città, le mura, gli interstizi tra pietra e pietra e si diffonderà a reticolo come la ricchezza multiculturale che appartiene al nostro territorio.

Trasformerà invece la piazza in un enorme giardino, l’installazione di Fabrizio Lupo, “Fiori di luce” che “chiuderà” tra petali, steli e corolle luminose, il cuore antico tra i palazzi.

Tutto il programma dettagliato della manifestazione, che fa parte del cartellone ufficiale di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018, sul profilo Facebook.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.