La mafia alla conquista dell'America tra fine '800 e inizio '900 :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti

un fenomeno già urbano e legato al commercio internazionale

La mafia alla conquista dell’America tra fine ‘800 e inizio ‘900

di
25 Aprile 2021

Le ricerche storiografiche più recenti hanno messo in evidenza che la mafia non sia stata in origine un fenomeno semplicemente rurale, legato all’arretratezza di una società arcaica. Le cose starebbero diversamente: infatti, la criminalità organizzata, già nell’ottocento, si sviluppò in ambito urbano e fu caratterizzata da uno stretto legame con i commerci e l’economia internazionale.

Viene ormai anche respinto il postulato per cui si possa parlare, con una distinzione netta, di vecchia e nuova mafia. La prima sarebbe stata limitata alle campagne e legata al latifondo, la seconda, invece, si sarebbe inserita in ambiente urbano dopo la metà del XX secolo. Infatti, l’ipotetica trasformazione della mafia da rurale ad urbana, intorno al 1950, non è verosimile per almeno due motivi. Innanzitutto, dall’Unità nazionale, la mafia si organizzò e sviluppò soprattutto in area urbana, in particolar modo nei sobborghi della città di Palermo, tra la conca d’Oro e i Colli. Territorio attraversato da intese attività di scambio agricolo e industriale, legato alle colture arboree specializzate e al commercio internazionale. Tant’è vero che il porto di Palermo era animato da copiosi traffici commerciali, da cui si esportavano soprattutto agrumi, vini e zolfo.

In second’ordine, il fenomeno mafioso non è da collegare ad un presunto immobilismo della società e dell’economia siciliana. Ma è collegato a profonde trasformazioni che conobbe l’economia isolana e al suo rapporto con il circuito commerciale internazionale e mondiale. Infatti, il XIX secolo è il periodo in cui si assistette al boom dei vigneti e degli agrumeti, colture che garantivano importanti guadagni e che entrarono a far parte del commercio di lunga distanza verso l’Europa e l’America. E si potrebbe fare un discorso simile per lo zolfo.

La mafia riuscì ad infiltrarsi piuttosto precocemente nei circuiti dell’economia internazionale e del mercato mondiale delle merci, che si condensarono nella seconda metà dell’800. E non è un caso che le strutture organizzative e comportamentali della mafia siano legate alla “grande emigrazione” verso l’America. Infatti, i siciliani che emigrarono negli USA tra il 1880 e il 1914 impararono le metodologie del racket e del gangsterismo americano. E coloro che tornarono in Sicilia iniziarono ad applicare le nuove tecniche criminali apprese in territorio americano.

Per esempio, già nell’ottobre del 1888, a New York, venne ucciso un commerciante di frutta siciliano da due corregionali titolari di un noto ristorante della città. La polizia sostenne che si trattò di un delitto di mafia, un’associazione criminale a base etnica che oltre alla Grande Mela era presente pure a New Orleans. Per cui, tra XIX e XX secolo, nella società statunitense scaturì un forte sentimento xenofobo accresciuto dal continuo fluire di emigrati, tra cui diverse centinaia di migliaia di siciliani. Tra quest’ultimi, oltre ad una marea di poveri contadini, vi erano alcune migliaia di latitanti, delinquenti e commercianti malavitosi che intrecciarono relazioni proficue tra Europa e America. Legami che continueranno a svilupparsi proficuamente nei decenni successivi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco