"La mafia ha ucciso il Mattarella sbagliato", insulti choc alla manifestazione del centrodestra :ilSicilia.it

DURANTE L'EVENTO SVOLTOSI A ROMA

“La mafia ha ucciso il Mattarella sbagliato”, insulti choc alla manifestazione del centrodestra

di
3 Giugno 2020

La Mafia ha ucciso il fratello sbagliato“.

Questo l’insulto catturato da un giornalista di “Globalist” alla manifestazione del centrodestra svoltasi ieri a Roma e rivolto al presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

L’affermazione è stata fatta da parte di un militante che reggeva la lunga bandiera tra via del Corso e piazza del Popolo.

La mafia ha sbagliato fratello‘, si ode palesemente. Poi, all’interlocutore che non aveva capito, l’attivista ha ripetuto: ‘La mafia sbagliò fratello, invece da ammazzà Piersanti…‘.

IL CENTRODESTRA PRENDE LE DISTANZE

Dal bruttissimo gesto, ha preso le distanze tutto il centrodestra.

Apprendo dalla stampa degli insulti vergognosi rivolti da un manifestante al Presidente della Repubblica Mattarella. Parole offensive che Fratelli d’Italia condanna senza se e senza ma, che non condividiamo in nessun modo e dalle quali prendiamo fermamente le distanze“. Così ha commentato la leader di FdI, Giorgia Meloni.

Sulla stessa linea il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, che ha dichiarato: “Ogni offesa a Mattarella è ignobile.

Chi ha offeso il presidente Mattarella, e con lui tutte le vittime di mafia, si deve solo vergognare, non rappresenta l’Italia e gli italiani“, commenta infine leader della Lega Matteo Salvini.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.