La "Magna Via Francigena" diventa una discarica, la denuncia di Confcommercio Agrigento | FOTO :ilSicilia.it
Agrigento

L'ITINERARIO TURISTICO-RELIGIOSO NEL DEGRADO

La “Magna Via Francigena” diventa una discarica, la denuncia di Confcommercio Agrigento | FOTO

di
21 Maggio 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Dovrebbe essere un itinerario religioso per pellegrini, lungo l’asse Agrigento-Palermo. Una sorta di “Cammino di Santiago” siculo, lungo ben 160 km. Stiamo parlando della cosiddetta “Magna via Francigena“, un percorso solcato da pellegrini e viaggiatori in età bizantina, islamica e alto medievale.

Oggi l’itinerario è oggetto di abbandono di rifiuti di ogni tipo. La denuncia arriva da Francesco Picarella, presidente di Confcommercio Agrigento e presidente Regionale Confcommercio Sicilia.

Serve «un intervento urgente di bonifica della Via Giardinello poiché, come è noto, la stessa è interessata dal percorso della Magna Via Francigena. Purtroppo l’inciviltà di alcuni individui ha reso la via su indicata una discarica a cielo aperto, che mortifica il territorio e poi non consente di utilizzare il naturale cammino dei pellegriniCome sappiamo il percorso della Magna Via Francigena aggiunge un altro tema importante al concetto di turismo con un viaggio storico-culturale alla scoperta della bellezza del paesaggio riscoprendo gli itinerari religiosi. La crescita esponenziale dei pellegrini che si cimentano in questa riscoperta di luoghi e paesaggi campestri, nello stesso tempo aumenta il flusso del turismo nella nostra provincia, che pone Agrigento come ultima tappa. Infatti, come è bene spiegato dall’Associazione che promuove la Magna Via Francigena dice: “L’ultimo tratto di campagna raggiunge la rocca imponente di Agrigento, la sua Rupe Atenea e si affaccia sul mar Mediterraneo e sulla Valle dei Templi”. Per quanto sopra detto, auspicando maggiori controlli anche su questo luogo, si chiede la bonifica della Via Giardinello e restituire ai pellegrini e ad Agrigento un sito pienamente degno di accoglienza di centinaia o addirittura migliaia di pellegrini».

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.