17 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.13
Agrigento

L'ITINERARIO TURISTICO-RELIGIOSO NEL DEGRADO

La “Magna Via Francigena” diventa una discarica, la denuncia di Confcommercio Agrigento | FOTO

21 Maggio 2019
'
'
'

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Dovrebbe essere un itinerario religioso per pellegrini, lungo l’asse Agrigento-Palermo. Una sorta di “Cammino di Santiago” siculo, lungo ben 160 km. Stiamo parlando della cosiddetta “Magna via Francigena“, un percorso solcato da pellegrini e viaggiatori in età bizantina, islamica e alto medievale.

Oggi l’itinerario è oggetto di abbandono di rifiuti di ogni tipo. La denuncia arriva da Francesco Picarella, presidente di Confcommercio Agrigento e presidente Regionale Confcommercio Sicilia.

Serve «un intervento urgente di bonifica della Via Giardinello poiché, come è noto, la stessa è interessata dal percorso della Magna Via Francigena. Purtroppo l’inciviltà di alcuni individui ha reso la via su indicata una discarica a cielo aperto, che mortifica il territorio e poi non consente di utilizzare il naturale cammino dei pellegriniCome sappiamo il percorso della Magna Via Francigena aggiunge un altro tema importante al concetto di turismo con un viaggio storico-culturale alla scoperta della bellezza del paesaggio riscoprendo gli itinerari religiosi. La crescita esponenziale dei pellegrini che si cimentano in questa riscoperta di luoghi e paesaggi campestri, nello stesso tempo aumenta il flusso del turismo nella nostra provincia, che pone Agrigento come ultima tappa. Infatti, come è bene spiegato dall’Associazione che promuove la Magna Via Francigena dice: “L’ultimo tratto di campagna raggiunge la rocca imponente di Agrigento, la sua Rupe Atenea e si affaccia sul mar Mediterraneo e sulla Valle dei Templi”. Per quanto sopra detto, auspicando maggiori controlli anche su questo luogo, si chiede la bonifica della Via Giardinello e restituire ai pellegrini e ad Agrigento un sito pienamente degno di accoglienza di centinaia o addirittura migliaia di pellegrini».

 

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.