23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.42

I lavori d'Aula per la legge di stabilità

La maratona notturna dell’Ars: Finanziaria senza pace, urla e trattative fino all’alba

15 Febbraio 2019

Ancora niente. L’Ars ha lavorato tutta la notte (ed è ancora al lavoro) per trovare la quadra, ma Sala d’Ercole non è riuscita ad approvare la Legge di Stabilità. Si lotta sulle tabelle, sui tagli che riguardano in particolare ex Pip, Consorzi di Bonifica, forestali, lavoratori dell’Esa e contributi ai teatri, ai disabili, allo sport e alla cultura.

Nessuna delle versioni di emendamenti e subemendamenti ha avuto il via libera dall’Assemblea, con la commissione Bilancio che ha dovuto aprire e chiudere i battenti diverse volte per la riscrittura dei documenti. Invano. La giornata d’altronde, non era partita bene, con le voci (smentite) di dimissioni che Nello Musumeci avrebbe consegnato nelle mani della giunta. Alle 18 la prima convocazione, che però è stata posticipata più volte.

Ala fine l’Ars si è riunita e ha votato praticamente tutta la Legge di Stabilità. Mancava, appunto, il voto al maxiemendamento per ristabilire il rifinanziamento di leggi di spesa. E qui si è bloccato tutto. Si sono accavallate le diverse versioni, ma nessuna di queste ha ricevuto l’ok, mentre il nervosismo si è fatto sempre più palpabile, con le urla del presidente della commissione Bilancio Riccardo Savona ben distinguibili, e con il presidente del parlamento Gianfranco Miciché visibilmente insofferente. 

Poco dopo le 7 del mattino la svolta, con l’approvazione del documento finale. Una Finanziaria che per essere varata ha dovuto affrontare un percorso decisamente tortuoso.

LEGGI ANCHE:

La lunga notte dell’Ars e alla fine la Finanziaria è approvata

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.