18 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.54

I lavori d'Aula per la legge di stabilità

La maratona notturna dell’Ars: Finanziaria senza pace, urla e trattative fino all’alba

15 Febbraio 2019

Ancora niente. L’Ars ha lavorato tutta la notte (ed è ancora al lavoro) per trovare la quadra, ma Sala d’Ercole non è riuscita ad approvare la Legge di Stabilità. Si lotta sulle tabelle, sui tagli che riguardano in particolare ex Pip, Consorzi di Bonifica, forestali, lavoratori dell’Esa e contributi ai teatri, ai disabili, allo sport e alla cultura.

Nessuna delle versioni di emendamenti e subemendamenti ha avuto il via libera dall’Assemblea, con la commissione Bilancio che ha dovuto aprire e chiudere i battenti diverse volte per la riscrittura dei documenti. Invano. La giornata d’altronde, non era partita bene, con le voci (smentite) di dimissioni che Nello Musumeci avrebbe consegnato nelle mani della giunta. Alle 18 la prima convocazione, che però è stata posticipata più volte.

Ala fine l’Ars si è riunita e ha votato praticamente tutta la Legge di Stabilità. Mancava, appunto, il voto al maxiemendamento per ristabilire il rifinanziamento di leggi di spesa. E qui si è bloccato tutto. Si sono accavallate le diverse versioni, ma nessuna di queste ha ricevuto l’ok, mentre il nervosismo si è fatto sempre più palpabile, con le urla del presidente della commissione Bilancio Riccardo Savona ben distinguibili, e con il presidente del parlamento Gianfranco Miciché visibilmente insofferente. 

Poco dopo le 7 del mattino la svolta, con l’approvazione del documento finale. Una Finanziaria che per essere varata ha dovuto affrontare un percorso decisamente tortuoso.

LEGGI ANCHE:

La lunga notte dell’Ars e alla fine la Finanziaria è approvata

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.