La mozione contro Razza e i limiti politici dell'opposizione :ilSicilia.it

l'articolo di Balzabù

La mozione contro Razza e i limiti politici dell’opposizione

di
28 Novembre 2020

Il dibattito sulla mozione di censura all’operato dell’assessore alla Salute, Ruggero Razza, ha fatto emergere tutti i limiti politici dell’opposizione. Un dibattito che si è svolto guardando il proprio ombelico e non rivolgendo lo sguardo al futuro. Cioè alla effettiva capacità del sistema sanitario regionale di garantire un’assistenza degna di questo nome. Per raggiungere questo obiettivo, occorre che vi sia un’organizzazione efficiente a livello territoriale ed ospedaliero. Obiettivo che non potrà mai essere raggiunto senza un adeguato numero di specialisti. In questa delicata fase, emerge che quelli che mancano di più sono gli anestesisti-rianimatori, infettivologi e pneumologi, ma quando la pandemia sarà ridimensionata, si noterà la mancanza di cardiologi, endocrinologi, chirurghi di alta specializzazione e così via. Nessuno, tranne che non mi sia distratto, mi sembra che abbia sollevato questo problema. Perché, l’importante era dimostrare un’inefficienza che dura da decenni e ben conosciuta da tutti.

Eppure, all’ultimo concorso per la specialistica in Medicina e chirurgia, hanno partecipato circa 24 mila aspiranti, mentre le borse di studio disponibili erano appena 12 mila. Si è arrivati a questo numero così alto di medici non specializzati perché negli anni passati il numero di borse di studio è stato inferiore al numero dei medici laureati, nonostante il numero chiuso. Per la medicina generale, vale la stessa proporzione a fronte delle migliaia di medici di famiglia che nei prossimi anni andranno in pensione. Quel che accadrà fin da prossimo mese di gennaio, lo sanno tutti: ministero della Salute, Inps ed Enpam che dovranno pagare fior di pensioni. E badate bene, un corso di specializzazione dura cinque anni e quello di medicina generale tre anni. Se non si programma subito, non si va da nessuna parte. Neanche una parola ho sentito sulla carenza di specializzati. Quelli che stanno per specializzarsi, sono già stati precettati.

Ed allora, i partiti che in Sicilia sono all’opposizione ed a Roma sono al governo, avrebbero l’obbligo di chiedere ai rispettivi dirigenti politici di porre fine a questa iniquità e di consentire agli italiani, nel futuro, di potere disporre di medici specializzati in numero adeguato. Le mozioni di censura rischiano di rimanere mera propaganda politica. Anche perché le prossime elezioni regionali si svolgeranno tra due anni esatti quando, probabilmente, la pandemia sarà solo un ricordo e ritorneranno in primo piano le altre malattie che rischiamo di non riuscire a curare per mancanza di medici specializzati. Pensateci bene, voi vecchietti del futuro prossimo.

© Riproduzione Riservata
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin