"La nuova governance degli enti locali": prosegue il ciclo di eventi formativi dell'Asael :ilSicilia.it
Palermo

In totale sette incontri

“La nuova governance degli enti locali”: prosegue il ciclo di eventi formativi dell’Asael

12 Giugno 2019

Prosegue il ciclo di eventi formativi organizzati dall’Asael per i giovani amministratori locali. Sette incontri, in programma da giugno a settembre, andranno a comporre il percorso denominato ‘La nuova governance degli enti locali – Tra politica, amministrazione, economia, diritto ed etica‘.

L’iniziativa, attuata con il dipartimento Autonomie locali della Regione Siciliana e la presidenza del consiglio comunale di Palermo, vede la collaborazione, tra gli altri, dell’Università di Palermo.

Si tratta di una serie di incontri fondamentali per gli amministratori locali – afferma il presidente dell’Asael, Matteo CocchiaraAncora una volta la nostra associazione si conferma all’avanguardia nell’affrontare i temi più urgenti e di attualità per sindaci, assessori e consiglieri comunali che ogni giorno si confrontano con le necessità dei cittadini“.

Il primo modulo è partito oggi 13 giugno, alle 14.30, a Palazzo delle Aquile di Palermo. Dopo i saluti di Cocchiara, gli interventi del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, del presidente del consiglio comunale, Salvatore Orlando, dell’assessore regionale alla Formazione professionale, Roberto Lagalla, dell’assessore regionale alle Autonomie locali, Bernadette Grasso, e del presidente dell’Associazione siciliana ex parlamentari regionali Rino La Placa. In scaletta, a seguire, l’intervento di Giovanni Scala, docente di Diritto costituzionale all’Università di Palermo, sull’evoluzione del sistema delle autonomie locali e sul regionalismo differenziato.

Il secondo modulo è fissato per le 14.30 del 17 giugno, a Palazzo delle Aquile, sul tema ‘Enti locali in piano di riequilibrio‘.

Terzo appuntamento il 24 giugno, sempre a Palazzo delle Aquile, alle 14.30, sulla programmazione e i bilanci negli enti locali, sulle politiche del personale e sulle procedure di risanamento degli enti locali in dissesto.

Quarto modulo in programma il 27 giugno, sempre a Palazzo delle Aquile, alle 14.30: fari puntati sul sistema di gestione dei rifiuti, sul sistema di elezione degli organi degli enti locali siciliani e sulla rappresentanza di genere.

Quinto incontro il 9 luglio, alle 14.30, presso l’aula Capitò della Scuola Politecnica di viale delle Scienze: al centro del modulo formativo ci sarà la pianificazione territoriale.

Il sesto modulo inaugurerà la seconda parte del corso dedicato agli amministratori locali il 13 settembre: il tema sarà quello dell’autonomia impositiva degli locali e del sistema di riscossione dei tributi. A seguire, nella stessa giornata, l’ultimo incontro sulle novità in materia di trasparenza e anticorruzione per quanto concerne i reati contro la pubblica amministrazione.

L’intero ciclo di seminari verrà concluso l’indomani, 14 settembre, con la tavola rotonda sul tema ‘La necessità di ridefinire con urgenza il rapporto Comuni e Regione nel contesto di una nuova politica per un positivo governo dei territori’.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.