La nuova urbanistica regionale: ai nastri di partenza il XXII convegno nazionale dell’AIDU a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

il 27 e 28 settembre

La nuova urbanistica regionale: ai nastri di partenza il XXII convegno nazionale dell’AIDU a Palermo

di
27 Settembre 2019

Si terrà a Palermo, nelle giornate del 27 e 28 settembre, il Convegno annuale di studi giuridici sul tema “La nuova urbanistica regionale”, organizzato dall’Associazione Italiana di Diritto Urbanistico (AIDU) in collaborazione con il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Palermo e l’Assessorato Regionale dell’Economia.

Anche quest’anno un panel d’eccellenza, composto dai professori Paolo Stella Richter, Gaetano Armao, Antonio Bartolini ed Emanuele Boscolo, formerà il Comitato Scientifico del Simposio.

Il Convegno si terrà presso le dimore storiche del capoluogo siciliano: Palazzo Forcella De Seta, ospiterà la prima giornata, con il contributo dell’ANCE Palermo; la seconda giornata sarà quindi ospitata presso Villa Malfitano, grazie al contributo della Fondazione Whitaker e di Sicilia Digitale. Evento nell’evento, la prima giornata si concluderà con uno spettacolo presso il Complesso Monumentale dello Spasimo, con inizio alle 21.30, a cura del Brass Group che offrirà ai partecipanti il concerto del quartetto Claudio Giambruno.

Il Convegno AIDU si propone quale sede di dibattito sull’evoluzione, gli obiettivi, gli strumenti della pianificazione urbanistica nell’attuale stagione normativa del governo del territorio affidata ai legislatori regionali, che si confrontano con i temi rilevanti della rigenerazione del territorio urbano ed extraurbano, in connessione con la dimensione trasversale della tutela dell’ambiente, della tutela e valorizzazione dei beni culturali, delle specificità correlate alla densificazione edilizia ed alle esigenze di riqualificazione energetica ed, inoltre, con le innovative forme di partecipazione che tratteggiano anche il cittadino utente quale soggetto attivo nei processi decisionali pubblici.

Il programma della prima giornata (27 Settembre) prevede i saluti istituzionali di: Nello Musumeci, Presidente Regione Siciliana; Aldo Schiavello, Direttore Dipartimento di Giurispudenza dell’Università di Palermo; Leoluca Orlando, Presidente Anci Sicilia e Sindaco di Palermo; Rosanna De Nictolis, Presidente CGA, Fabio Sanfratello, Presidente Ance Palermo; Giovanni Immondino, Presidente Ordine degli Avvocati di Palermo. I lavori della I sessione, presieduti da Filippo Salvia, Università di Palermo, vedranno le relazioni di: Paolo Stella Richter – Relazione generale, Università di Roma “La Sapienza”; Antonio Bartolini – La rigenerazione urbana, Università di Perugia; Emanuele Boscolo – Leggi regionali di quarta generazione: struttura e contenuti – Università dell’insubria; Sandro Amorosino – La fragilità del territori, Università di Roma “La Sapienza”: Patrizia Marzaro – La partecipazione consapevole, Università di Padova; Anna Simonati – Governo del territorio, tutela della sicurezza e coinvolgimento della cittadinanza: una sinergia praticabile?, Università di Trento.

La sessione pomeridiana, presieduta da Salvatore Raimondi, Università di Palermo, prevede gli interventi di Pepe Barbieri – Rischio clima e riqualificazione energetica, Università “G. D’Annunzio” Chieti Pescara; Vincenzo Caputi Jambrenghi Interventi sul territorio extraurbano Ecomusei e riflessi socio-economici sulla città, Università di Bari; Nicola Galla – La VAS dei piani urbanistici e le nuove forme di semplificazione amministrativa, Università di Palermo; Cesare Lamberti – La difficile densificazione dei centri storici, già Pres. TAR Umbria; Eugenio Picozza – La situazione del diritto urbanistico in Sardegna e nel Trentino – Alto Adige, Università di Roma Tor Vergata; Enrico Maria Tulli Guardabassi – I nuovi sistemi informatici al servizio dell’urbanistica; Avvocato Maria Cristina Cavallaro – Sviluppo urbano e nuove tecnologie, Università di Palermo; Caterina Ventirniglia – Rigenerazione urbana e beni culturali, Università di Palermo; Stefano Villarnena – Circolari amministrative e rilascio del permesso di costruire, Università di Macerata.

Nella seconda giornata di lavori (28 Settembre) a seguito dell’Assemblea dei soci, si terrà la terza sessione, introdotta dagli Indirizzi di saluto di: Salvatore Cordaro, assessore del Territorio e dell’Ambiente Regione Siciliana; Giusi Savarino, presidente Commissione Urbanistica ARS; Francesco Miceli, presidente Ordine degli Architetti di Palermo; Vincenzo Di Dio, presidente Ordine degli Ingegneri di Palermo.

La sessione, presieduta a cura di Paolo Stella Richter, Università di Roma “La Sapienza”, prevede la Relazione del Vicepresidente e Assessore all’Economia Regione Siciliana, introduttiva Gaetano Armao.

A seguire interventi di: Maurizio Carta, La rivoluzione urbanistica: innovazione di visione e pragmatismo delle norme, Università di Palermo; Andrea Sciascia, Il progetto di architettura tra norme e trasgressione, Università di Palermo; Giovanni Salerno, Il Disegno di Legge sull’Urbanistica della Regione Siciliana, Direttore Dipartimento di Urbanistica Regione Siciliana; Wanda Cortese, Considerazioni critiche sul Disegno di Legge Urbanistica della Regione Siciliana, Università di Palermo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.