La Onlus di Cuffaro gestirà un ospedale in Burundi. Nostra intervista esclusiva [Le foto] :ilSicilia.it

Cinque domande all'ex governatore siciliano

La Onlus di Cuffaro gestirà un ospedale in Burundi. Nostra intervista esclusiva [Le foto]

di
28 Aprile 2018

Grazie a un accordo stretto tra il ministro della Sanità del Burundi e la onlus italiana “Aiutiamo il Burundi” dell’ex Presidente della Regionale Siciliana Totò Cuffaro e del dottor Stefano Cirillo, la stessa onlus ha ricevuto il mandato a gestire le attività sanitarie del nuovo ospedale di Karuzi. La struttura sanitaria si trova al centro del Burundi in un’area abitata dai Batwa (Pigmei) che vivono nella miseria più drammatica.

Abbiamo rivolto alcune domande all’ex governatore siciliano, che da una settimana è tornato nel Paese africano per prestare la propria opera di volontariato.

Cosa l’ha spinta a scegliere di svolgere questa attività di volontariato in Burundi?

“Non potendo fare il Medico in Italia perché sono interdetto ho scelto di poterlo fare per aiutare i più bisognosi del più poveri Paese Africano. Tra i malati e gli orfani del Burundi credevo di dare loro umanità e speranza e invece sono io che mi arricchisco di umanità e speranza. Purtroppo l’eclissarsi dell’umanità è la più grande colpa della nostra società”.

È un’espiazione cristiana per i suoi peccati?

“Sto bene con la mia coscienza e sentirmi ancora utile mi aiuta. Tutti abbiamo bisogno di fare ammenda dei nostri errori e io certamente ne ho fatti tanti”.

Cosa fa quando si reca nel Paese Africano? In cosa consiste il suo volontariato?

“Faccio il medico, ma anche ogni altra cosa sia necessaria per alleviare le sofferenze e aiutare chi vive nella miseria più assoluta”.

Cosa potrebbe fare chi vive qui in Sicilia, lontano da queste realtà così sofferenti?

“Qui c’è bisogno di tutto chi vuole può fare una piccola offerta alla Onlus e può star certo che la sua generosità sarà ben utilizzata. La Onlus “Aiutiamo il Burundi” riceve delle donazioni che utilizziamo per mantenere gli orfanatrofi e curare i malati. www.aiutiamoilburundi.org: questo è il sito per chi vuol fare una donazione e contribuire un po’ per alleviare le sofferenze di questi esseri umani”.

La gestione dell’ospedale di Karuzi è un nuovo capitolo della sua vita. Cosa comporterà?

“Grazie all’accordo raggiunto con il ministro della Sanità del Burundi, i nostri medici volontari potranno curare le malattie e alleviare le sofferenze dei più poveri. Inoltre, questo consentirà di inviare i tanti medici italiani che ci hanno dato la loro disponibilità a prestare la loro opera professionale in quest’area poverissima del mondo”.

IN ALTO LA GALLERY FOTOGRAFICA

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro