La Onlus di Cuffaro gestirà un ospedale in Burundi. Nostra intervista esclusiva [Le foto] :ilSicilia.it

Cinque domande all'ex governatore siciliano

La Onlus di Cuffaro gestirà un ospedale in Burundi. Nostra intervista esclusiva [Le foto]

di
28 Aprile 2018

Grazie a un accordo stretto tra il ministro della Sanità del Burundi e la onlus italiana “Aiutiamo il Burundi” dell’ex Presidente della Regionale Siciliana Totò Cuffaro e del dottor Stefano Cirillo, la stessa onlus ha ricevuto il mandato a gestire le attività sanitarie del nuovo ospedale di Karuzi. La struttura sanitaria si trova al centro del Burundi in un’area abitata dai Batwa (Pigmei) che vivono nella miseria più drammatica.

Abbiamo rivolto alcune domande all’ex governatore siciliano, che da una settimana è tornato nel Paese africano per prestare la propria opera di volontariato.

Cosa l’ha spinta a scegliere di svolgere questa attività di volontariato in Burundi?

“Non potendo fare il Medico in Italia perché sono interdetto ho scelto di poterlo fare per aiutare i più bisognosi del più poveri Paese Africano. Tra i malati e gli orfani del Burundi credevo di dare loro umanità e speranza e invece sono io che mi arricchisco di umanità e speranza. Purtroppo l’eclissarsi dell’umanità è la più grande colpa della nostra società”.

È un’espiazione cristiana per i suoi peccati?

“Sto bene con la mia coscienza e sentirmi ancora utile mi aiuta. Tutti abbiamo bisogno di fare ammenda dei nostri errori e io certamente ne ho fatti tanti”.

Cosa fa quando si reca nel Paese Africano? In cosa consiste il suo volontariato?

“Faccio il medico, ma anche ogni altra cosa sia necessaria per alleviare le sofferenze e aiutare chi vive nella miseria più assoluta”.

Cosa potrebbe fare chi vive qui in Sicilia, lontano da queste realtà così sofferenti?

“Qui c’è bisogno di tutto chi vuole può fare una piccola offerta alla Onlus e può star certo che la sua generosità sarà ben utilizzata. La Onlus “Aiutiamo il Burundi” riceve delle donazioni che utilizziamo per mantenere gli orfanatrofi e curare i malati. www.aiutiamoilburundi.org: questo è il sito per chi vuol fare una donazione e contribuire un po’ per alleviare le sofferenze di questi esseri umani”.

La gestione dell’ospedale di Karuzi è un nuovo capitolo della sua vita. Cosa comporterà?

“Grazie all’accordo raggiunto con il ministro della Sanità del Burundi, i nostri medici volontari potranno curare le malattie e alleviare le sofferenze dei più poveri. Inoltre, questo consentirà di inviare i tanti medici italiani che ci hanno dato la loro disponibilità a prestare la loro opera professionale in quest’area poverissima del mondo”.

IN ALTO LA GALLERY FOTOGRAFICA

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin