La Palermo perduta del centrodestra. Avanti in ordine sparso, aspettando Cuffaro | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

La candidatura di Greco ancora in stand by

La Palermo perduta del centrodestra. Avanti in ordine sparso, aspettando Cuffaro

di
5 Gennaio 2017

La destra palermitana finge riconciliazione in vista delle prossime elezioni amministrative a Palermo, ma teme spaccature. Uno scenario già visto nel 2001 quando a Diego Cammarata, poi  divenuto sindaco, scelto da Gianfranco Miccichè, plenipotenziario berlusconiano dell’epoca, con il via libera di Marcello Dell’Utri, si contrappose Francesco Musotto, presidente della Provincia.

Il centrodestra in Sicilia oggi sta tentando una complessa riorganizzazione. Il nome di Francesco Greco, presidente dell’Ordine degli avvocati, rimbalza da mesi. Il tentativo di ‘proteggere’ una candidatura che nasce in un contesto travagliato,  fu portato avanti dallo stesso protagonista che sull’ipotesi della sua candidatura dichiarava: «Troppi impegni mi legano alla professione ed al ruolo che ricopro di Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Palermo» e poi completava sibillino: «Non so se andrò da Parisi  alla kermesse organizzata da Gianfranco Miccichè». Era  il 14 ottobre e il futuro è cambiato in fretta. Forse anche troppa. Dando per scontati angoli smussati ed incomprensioni superate senza troppi approfondimenti.

La Palermo perduta del centrodestra. Avanti in ordine sparso, aspettando CuffaroSaverio Romano, ad esempio, espressione forte del centrismo neo forzista rimane in  limbo di galleggiamento dal quale non ha ancora eliminato l’idea di una discesa in campo. Ma soprattutto il problema in campo, pronto a deflagrare, riguarda una costola della destra salviniana in Sicilia che fa capo ai giovani con Francesco Vozza, referente provinciale di Noi con Salvini che demolisce lo scenario di unità: «Non entro nel merito del nome di Francesco Greco, ma questo centro destra è morto. È un centro destra deleterio per sé stesso. Contestiamo innanzitutto il metodo che rivela la fragilità dell’impalcatura. Il nostro movimento  è indisponibile ad affrontare personaggi della vecchia politica. Il nostro percorso non coincide con questo modo di fare politica. Forza Italia sta complottando sottobanco per appoggiare Fabrizio Ferrandelli (in foto)».

Un duro e preciso atto di accusa che rivela i nervi tesi sotto traccia della coalizione, in cui il ruolo propulsivo anche sui territori del movimento di Salvini, diviso in due, potrebbe avere un peso importante. Alessandro Pagano, accreditatosi come nuovo ‘team manager’ in Sicilia della destradi Salvini, non ha fatto mistero, di essere  l’autore delle convergenze sul nome di Greco, avendo sponsorizzato l’incontro di quest’ultimo svoltosi all’Astoria Palace, in occasione della visita di Salvini a Palermo. Ma il solco tra le due anime del movimento non sembra al momento in grado di essere ricomposto.

Gianfranco Miccichè confida sulla nostalgia di un elettorato a suo avviso, pronto a rispecchiarsi nell’urna e va ripetendo ai suoi collaboratori un refrain scaramantico: «Se scendiamo in piazza io e Totò, ti faccio vedere che la gente è ancora con noi». Totò, ovviamente, è Cuffaro, ma il mantra di auspicio deve fare i conti con il malcontento e la frammentazione che sono dietro l’angolo al momento su questa ipotesi di candidatura. Nella lotta senza quartiere del voto di primavera tra voto ‘strutturato’ e voto di protesta non si faranno tanti  complimenti. La battaglia sarà durissima.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.