La partita sui disabili in Sicilia riparte dalla prossima legge finanziaria :ilSicilia.it

L'esecutivo vuole cambiare rotta

La partita sui disabili in Sicilia riparte dalla prossima legge finanziaria

17 Marzo 2018

Sulle persone con disabilità il governo regionale non vuol commettere errori. Per questa ragione la dotazione finanziaria complessiva per disabili gravi e gravissimi ammonta a 183 milioni di euro. A questi vanno aggiunte le somme in recupero dal 2017.

Il governo vuole preparare una legge-quadro sulla disabilità che in Sicilia oggi non c’è. Uno degli obiettivi da centrare attraverso un dialogo che va prendendo forma tra governo e categorie.

Tra gli scopi per i nuovi direttori generali delle Asp siciliane, che saranno nominati a breve, anche tra quelli prioritari, che danno luogo a valutazioni sul loro operato, saranno inseriti per la prima volta l’obiettivo di funzionalizzazione delle uvm (unità di valutazione multidisciplinare) e della disabilità. E potranno determinare, in caso di mancato raggiungimento, la decadenza. Un segnale forte che il governo lancia, oltre la mano tesa verso l’universo disabili, recepito favorevolmente dalle associazioni.

Le Asp hanno comunicato il 9 marzo il numero complessivo dei casi di disabilità gravissima. Lavoro che è andato avanti per la provincia di Ragusa dove risultavano solo 78 ammessi, ma sono già cresciuti a quasi 200. Sono da valutare altre 300 casi,  e si  pensa dunque che si possa attestare sulla media delle altre province siciliane

Intanto Agenda digitale ha approvato e finanziato il portale della disabilità che mette in rete tutte le informazioni e consente di accorciare le distanze con gli uffici in cui non ci si dovrà recare personalmente. È già attiva la convenzione Consip e non si dovrà fare pertanto una gara d’appalto. Si dovrà dare mandato all’ufficio informatico di attivare tutte le procedure affinché il portale in questione parta.

Da migliorare anche l’efficacia dei distretti socio-sanitari: per come erano stati istituiti non sembrano avere funzionato  adeguatamente. Gran parte delle risorse messe a disposizione per i progetti integrativi non sono state mai impegnate.

Antonio Costanza vicepresidente regionale di Anfass, esprime soddisfazione per il dialogo ritrovato, anche in funzione del passo doppio che mette insieme i due assessorati, Politiche sociali e Salute, collegando istanze e soluzioni, ma anche rendendo  più dinamico il campo di intervento: “I due assessorati fino a questo momento non solo non si erano mai parlati tra loro, ma soprattutto avevano interagito poco con le associazioni della disabilità. Registriamo la volontà di dare voce alle associazioni  dopo 18 anni, attuando  il progetto individuale delle persone con disabilità. Uno strumento normativo che mette nero su bianco i bisogni della persona e riconosce  i sostegni che devono essere riconosciuti”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.