La “Pasta co’ meli”: un primo o un dolce della tradizione? | LA RICETTA :ilSicilia.it

Una ricetta da scoprire e provare

La “Pasta co’ meli”: un primo o un dolce della tradizione? | LA RICETTA

di
11 Maggio 2020

La ricetta che vi daremo, quella della “Pasta co’ meli“, nasce a Butera, cittadina della provincia di Caltanissetta, e si prepara, di solito, per la Festa di San Giuseppe, il 19 marzo; ma, come sono state sdoganate le “Sfince” che, ormai, possono essere gustate in ogni periodo dell’anno, vogliamo fare lo stesso con questo piatto del mistero che sarà un primo o un dolce della tradizione? E’ arrivato il momento di andare a scoprirlo.

E’ una tradizione culinaria unica nel suo genere, quasi ignota persino ai paesi vicini, e nonostante la Sicilia sia la patria  dell’agrodolce, l’unione degli spaghetti col miele è, davvero, cosa straordinaria. Facendo una ricerca su internet, approdiamo a uno studio condotto dal Dipartimento degli studi sull’Asia e l’Africa Mediterranea dell’Università “Cà Foscari” di Venezia, basata sulla collaborazione con una nota azienda produttrice di pasta e “Storia e guida di Ispica” del professore Melchiorre Trigilia. Da qui, da un lato il salto in Oriente, con un occhio di riguardo al popolo cinese, che cucina nel wok spaghetti conditi con miele, yogurt e soia; dall’altro, invece, un capitolo del libro dello studioso, ispicese Doc, dedicato ai dolci, che cita una particolare ricetta: “Gniuocchili fatti di pasta con uova fritta e condita con zucchero e miele di satra, timo selvatico, cannella e vaniglia”.

Per gli abitanti di Butera, invece, non è un dolce, ma un primo piatto che stupisce per gli ingredienti usati, apparentemente curiosi, in realtà combinazione perfetta. Eccovi la ricetta.

Ingredienti per 8 persone:

  • 600 g di spaghetti
  • 200 g di mandorle
  • 50 g di pangrattato
  • 200 g miele
  • due cucchiaini di cannella
  • scorza di una arancia
  • sale q.b.

Procedimento:

1.Tritate le mandorle sgusciate grossolanamente

2. In una padella tostate il pangrattato e le mandorle.

3. Tagliate a striscioline la scorza di arancia, ponetele in una teglia,  infornatele per farle abbrustolire e tagliatele a pezzettini.

4. Lessate gli spaghetti in abbondante acqua salata e durante questo tempo, nella padella in cui avete tostato le mandorle, fate sciogliere il miele.

5. Scolate gli spaghetti e amalgamateli con il miele.

6. A questo punto unite le mandorle, il pangrattato e, infine, la cannella in polvere.

7. Infine, tocco finale, le scorzette di arancia tostate, che potrete usare, anche, come decorazione.

La vostra “pasta co’ meli“ è pronta per essere assaggiata.

Se volete gustarli come primo, alla maniera Buterese, dovete mangiarli appena pronti; se, invece, volete provarli come dolce, fateli raffreddare.

Di sicuro c’è che, con un’unica ricetta, avrete un inizio e un fine pasto per palati che amano sia il salato, che il dolce.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin