La pittura di Maurizio Pometti per la V edizione di Castelbuono Classica :ilSicilia.it
Palermo

dal 22 al 25 agosto

La pittura di Maurizio Pometti per la V edizione di Castelbuono Classica

13 Agosto 2019

Per la quinta volta Castelbuono Classica, in programma dal 22 al 25 agosto, ha riconfermato la volontà di contaminare la musica con l’arte contemporanea, attraverso la collaborazione con PUTIA art gallery. Ed ancora una volta, attraverso una mostra abbinata al festival e di linea grafica di tutta la comunicazione. A dare il volto a questa V edizione del festival è infatti un giovane talentuoso artista catanese, Maurizio Pometti, la cui personale sarà inaugurata presso PUTIA venerdì 16 agosto alle ore 19.

La pennellata rugosa e sintetica, che evoca da lontano le geometrie di Cezanne, determina un ritmo pulsante, mentre il cromatismo sapientemente dosato dà ulteriore vigore all’immagine che a volte grida, come nella serie dei Ribelli, e a volte sussurra, quando evoca il ricordo di tempi perduti. Esiste uno scambio osmotico tra la pennellata e il colore, legati da una corposità comune.

Robin Hood, matita su carta, 29,7x21cm, 2019
Robin Hood, matita su carta, 29,7x21cm, 2019

Forza e delicatezza accomunano la pittura di un artista – tanto giovane quanto incredibilmente maturo e riconoscibile – con il palinsesto di Castelbuono Classica, che quest’anno ospiterà giovanissimi e grandi nomi. Persino le note ruvide del violoncello di Giovanni Sollima, che domenica 25 chiuderà l’edizione, sembrano simili alle tracce sulle tele di Pometti.


Castelbuono Classica è organizzata da Moger Arte e Cultura con il patrocinio e il sostegno del Comune di Castelbuono, della Regione Siciliana – Ass. Turismo, Sport e Spettacolo e del Museo Civico di Castelbuono.

Gli abbonamenti Classic (35 euro) e Gold (48 euro, con posto nelle prime due file) e i biglietti per i singoli concerti serali (da 5 a 20 euro + diritti di prevendita) sono disponibili presso Putia Art Gallery di Castelbuono oppure online su Eventbrite.it. Per info è possibile telefonare al 3206661258 o scrivere a info@castelbuonoclassica.it.

IL PROGRAMMA

Giovedì 22 agosto
– Massimo Kids Orchestra, direttore Michele De Luca (Piazza Castello, ore 21.00)

Venerdì 23 agosto
– Nicolò Renna (Cortile Badia Santa Venera, ore 18.00)
– Ensemble Castelbuono Classica, direttore Salvatore Barberi – con Luigi Maria Rausa e Maria Elena Iozza(Chiostro di San Francesco, ore 21.00)

Sabato 24 agosto
– Carmen Sottile (Sala del marchese – Castello dei Ventimiglia, ore 18.00)
– Vincenzo Paci & Quartetto d’archi del Teatro Massimo Bellini di Catania (Chiostro di San Francesco, ore 21.00)

Domenica 25 agosto
– Laura Vitale (Chiesa del Monte, ore 18.00)
– Giovanni Sollima & Arianna Art Ensemble (Chiostro di San Francesco, ore 21.00)

www.castelbuonoclassica.it
www.facebook.com/castelbuonoclassica

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.