20 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.55

La necessità di ritrovare un'etica e isolare le mele marce

La politica ritrovi la dignità perduta e cacci i delinquenti e i disonesti | Video editoriale

2 Agosto 2018

Guarda il video editoriale in alto

La mamma dei politici disonesti è sempre incinta. L’ultima inchiesta in ordine di tempo che ha portato ai domiciliari l’ex presidente del Consiglio comunale di Messina non è altro che la punta di un iceberg di una politica malata e corrotta che, in Sicilia come altrove, tarda a tramontare.

Il dato che emerge è che i partiti continuano ad essere inquinati da furbetti e furbastri, che utilizzano la politica come strumento di scasso per rubacchiare qua e là e arricchirsi a scapito dei cittadini e delle istituzioni che dovrebbero onorare con il proprio comportamento. Questo, ovviamente, va al di là della vicenda di Messina (la magistratura accerterà eventuali responsabilità e gli indagati potranno chiarire la loro posizione), ma è un andazzo generalizzato a cui dev’essere posto un termine una volta per tutte.

La politica faccia pulizia al suo interno e selezioni i migliori e non la feccia, come purtroppo è spesso avvenuto fino a oggi. Torni a essere un servizio nei confronti della comunità e del territorio, restituendo dignità a se stessa.  E i cittadini scelgano i migliori, non chi schiaccia un occhiolino pretendendo in cambio indegne controprestazioni.

Guarda il video editoriale in alto

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.