La Polizia postale avverte: "Attenzione alle mail e Whatsapp con allegati a tema Coronavirus" :ilSicilia.it

i consigli delle forze dell'ordine

La Polizia postale avverte: “Attenzione alle mail e Whatsapp con allegati a tema Coronavirus”

di
5 Marzo 2020

Il diffondersi del coronavirus è pronto a “infettare” anche i nostri computer e cellulari. A lanciare l’allarme è la polizia postale di Piemonte e Valle d’Aosta che, negli ultimi giorni ha verificato una serie di virus informatici e minacce che sfruttano la paura del Covid-19.

Si tratta di malware “diffusi via mail, attraverso campagne massive di spam, che potrebbero interessare anche le caselle di posta istituzionali, inducendo in errore gli operatori”.

Il primo malware

In base a quanto riferisce la polizia, il primo malware assume la forma di un file nominato “CoronaVirusSafetyMeasures Pdf”, che viene allegato ai messaggi di posta spam. L’estensione, infatti, risulta soltanto in apparenza “pdf“, perché in realtà si tratta di un file eseguibile “exe“, che avvia il download di contenuti spazzatura.

Il secondo malware

Il secondo tipo di virus, invece, è un allegato in formato “doc“, titolato con precauzioni sul contagio da Covid-19 e firmate da “tale dottoressa Penelope Marchetti, dell’Organizzazione mondiale della Sanità”. Anche in questo caso, precisano le forze dell’ordine, si tratta di un falso da non aprire, né scaricare.

coronavirus-spam-mail-pdf-phishingI consigli della polizia

È necessario dunque fare molta attenzione ai messaggi di posta elettronica e alle catene di Whatsapp, evitando di aprire i link contenuti al loro interno e di non aprire gli allegati, anche se hanno l’aspetto di formati pdf o word.

Attacchi all’home banking

Si segnalano, inoltre, nei giorni scorsi, degli attacchi informatici e phishing ai danni degli utenti di Banca Intesa San Paolo e di Banca Monte Paschi di Siena. Il tutto sempre tramite e-mail con false note informative rivolte ai clienti degli istituti di credito.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.