23 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.39
Messina

il comitato dei cittadini resta vigile sulla Me-Ct

“La protesta per l’autostrada A18 è sospesa ma non abbassiamo la guardia”

14 Febbraio 2019

Abbiamo sospeso al momento l’organizzazione di una manifestazione di protesta sull’autostrada A18 per vedere come si evolverà la situazione ma non abbassiamo la guardia e se sarà necessario quella stessa protesta la faremo“.

Così Francesco Puglisi, uno dei responsabili del comitato di cittadini che si sta battendo per la sistemazione dell’autostrada A18 Messina-Catania ha spiegato la posizione attuale del gruppo social “A18 e A18 Le autostrade della vergogna“, che vanta quasi 12 mila iscritti e nei giorni scorsi è stato ricevuto a Palazzo d’Orleans con una delegazione recatasi a Palermo dal presidente della Regione Nello Musumeci e dall’assessore Marco Falcone.

La Regione e il Cas si apprestano a definire un cronoprogramma di interventi, che verrà trasmesso anche ai sindaci della zona ionica, a loro volta recatisi lunedì scorso proprio al Consorzio Autostrade Siciliane, e ora l’attenzione è rivolta ai prossimi interventi che dovranno interessare l’autostrada Messina-Catania, e alle relative gare d’appalto da sbloccare a partire da quella per la frana di Letojanni.

Intanto Puglisi spiega gli intendimenti del comitato che aveva già posto in agenda una maxi-protesta riguardante l’autostrada A18, per adesso “congelata“.

“Quando dico che noi non abbassiamo la guardiaafferma Puglisi – intendo che continueremo a seguire con attenzione ogni giorno lo stato delle cose. Faccio un esempio eloquente e lo segnalo alle Istituzioni: nessuno si è accorto che l’autovelox nei pressi della galleria di Giardini non c’era più? Si continua a “giocare” con la pelle della gente, troppo presto forse abbiamo dimenticato i morti di un mese fa e ci attendiamo risposte immediate”.

Francesco Puglisi

“Per il resto va rimarcato – continua Puglisi – che a Palermo ci è stato illustrato un cronoprogramma, comprensivo dei lavori effettuati lo scorso fine settimana tra Giardini e Roccalumera e con altri lavori che si prevedono nei prossimi mesi e sui quali ci verrà fornito un elenco aggiornato quanto prima, con relative indicazioni sulle procedure per le gare d’appalto. Al momento abbiamo sospeso la manifestazione di protesta ma non abbiamo mollato. A Palermo abbiamo detto tutto quello che non va e abbiamo anche preso atto della disponibilità dell’assessore Falcone”.

“Oggi in tanti si lamentano sui social – prosegue Puglisi –  anche contro di noi per il fatto che è stata sospesa la protesta ma sono le stesse persone che sulla manifestazione per la frana di Letojanni ci hanno lasciati da soli. Ora siamo ad un punto di non ritorno, l’obiettivo resta la messa in sicurezza dell’autostrada. Vedremo quello che accadrà nei prossimi 60 giorni ma la protesta è ancora in piedi e se serve verrà fatta. C’è da asfaltare l’intera tratta da Giarre a Tremestieri e da Tremestieri a Catania. Intanto sono state coperte le buche, e in altri tempi nemmeno questo sarebbe stato fatto. Vogliamo un’autostrada degna di questo nome e per questo stiamo lottando, ma è altrettanto vero che per fare questi lavori è comprensibile possano poi esserci disagi perché le opere devono pur essere eseguite”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.