"La Ragazza con la pistola": Sicilia-Londra solo andata | VIDEO :ilSicilia.it

Un omaggio a Monica Vitti la "sicula" non sicula

“La Ragazza con la pistola”: Sicilia-Londra solo andata | VIDEO

di
2 Gennaio 2020

Guarda il video in alto

Ci troviamo a Londra e precisamente a Caledonia Street, ma per scoprire il motivo di questa nostra tappa dobbiamo fare un salto nel passato, al 1967, quando la bellissima Monica Vitti si aggirava, come una ragazza qualsiasi, tra le bancarelle del mercato omonimo. Cosa ci faceva nella capitale inglese la splendida musa del cinema d’autore prima, con Michelangelo Antonioni che fu anche suo compagno, e della Commedia all’italiana poi, con attori del calibro di Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Ugo Tognazzi e Nino Manfredi, per citarne solo alcuni, che ne mise in risalto la vena più ironica e divertente?

La Ragazza con la pistola Monica Vitt

Stava girando, da protagonista, “La Ragazza con la pistoladi Mario Monicelli, in cui il suo personaggio, la sicula Assunta Patanè, sedotta e abbandonata da Macaluso Vincenzo, un grande Carlo Giuffrè, lo insegue nel Regno Unito per compiere il “delitto d’onore“. Rivedendolo, però, da bruna ragazza sicula quale era, e la cui frase indimenticabile è: “Lui mi prese con la forza, ma io gli resistetti. Fredda come il mammo fui“, trasformata in una giovane donna dai capelli biondi, emancipata, capisce che la vendetta non ha più senso perché, ormai, padrona della sua vita, non teme il giudizio altrui.

Il dissacrante Mario Monicelli accosta due mondi all’epoca distanti anni luce di cui, però, Assunta diventa collante. Questo piccolo racconto vuole essere un omaggio a Monica Vitti, una delle attrici più rappresentative e talentuose del cinema italiano, che dovrebbe essere  più ricordata di quanto sia, a Mario Monicelli, straordinario regista, alla nostra Sicilia, che ha ispirato, spesso, la Settima Arte, e a Londra, una città straordinaria, laboratorio di creatività. Le due isole, la nostra e la Gran Bretagna, saranno unite nunc et semper da questa meravigliosa donna, da magici set e da un film indimenticabile.

Chiudiamo con “God Save Monica Vitti“, regina del cinema italiano.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.